Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

NO RELIGIONI(1)  TORNIAMO A DIO-PERSONA - (RELIGIONE MONDIALE - 3)

 

di Renzo Ronca - 19-4-13-h.8,30 - (Livello 4 su 5)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se la creazione è “un’espansione continua” una dilatazione spiritualmente sempre in atto, come accade all’universo che sta addirittura aumentando la velocità di estensione, di allontanamento, allora bisogna tenere presente che c’è anche un verso opposto alla dilatazione, all’ampliamento, che è la riduzione, il rimpiccolirsi.   Questo restringimento misterioso nell’universo, può assomigliarsi in modo estremo ai  cosiddetti  “buchi neri” dove l’attrazione gravitazionale interna è talmente elevata che c’è la sparizione della massa e persino la luce ricade su se stessa. (2)

 

Se la fede in Dio espandendosi continuamente apre alla vita e se il cristianesimo in particolare ci apre alla verità alla libertà, allora dietro l’apparenza dello sviluppo religioso, della crescita globale di un sistema di fedi miste, dell’ingrandirsi di questo sistema in tutto il mondo, se studiamo bene la cosa ci accorgiamo che c’è il suo opposto:  

la “religione globale” che si sta formando è come un “buco nero” gigantesco che tutto prende nella sua orbita  -persino la luce di Dio-  e nulla ne esce più.

Quello che sembra un vincente progetto faraonico, cioè una religione mondiale ottima per tutti,  in realtà è un restringimento della fede, fino al suo annullamento; non ha contenuti, è morta, è fatta di buio e di niente.

 

Ricordate  IL GORGO DELLA DISPERAZIONE? In quel caso facevamo l’ipotesi di un gorgo nel mare che tramite i condizionamenti mediatici inghiottiva la nostra nave, ovvero la nostra personalità, causando tristezza e depressione nelle persone che tentavano di resistere; e proponevamo esempi pratici liberarcene. (3)

 

In questo caso il “gorgo-buconero” è meglio individuato nella religione globale.

 

Come uscire da questa corrente che dietro l’apparenza di una crescita fa invece rimpiccolire il nostro pensare?

 

La soluzione può sembrare banale, ma ritengo sia il mezzo più rapido ed efficace: Se la corrente di questo gorgo-buconero è la spinta a mettere insieme tutte le religioni in un agglomerato amorfo cioè senza forma, allora la spinta utile per uscirne sarà quella di uscire dalle religioni e considerare Dio una Persona “raggiungibile” e “sperimentabile” da tutti direttamente.

 

Uscire dalle religioni è saltare con un solo passo ogni chiesa-organizzazione umana, ogni recinto dottrinale e formale, per instaurare un semplicissimo rapporto personale con il Dio vivo.

 

CAUTELA NECESSARIA!

Applicare quello che abbiamo indicato come primo passo della soluzione, sembra molto facile, ma non lo è. Se infatti usciamo subito fisicamente dalle chiese, ci isoliamo, perdiamo il contatto con la fratellanza, non partecipiamo più alle adorazioni a Dio (che nutrono la nostra anima) e alla fine, sorprendentemente, finiremmo proprio col cadere in quel calderone di vuoto o di esaltati o di condizionati, che cercavamo di evitare.

 

La Chiesa di Cristo è unione di persone, di anime, di confronti, di ridimensionamenti, di reciproci arrotondamenti dei nostri spigoli ribelli sotto la guida dello Spirito Santo.

 

Quindi prima di lasciare una comunità dobbiamo capire bene cosa significa cambiare/uscire da una comunità, ma restare nella Chiesa di Gesù.

 

(continua)

 

 

 

 Pag precedente  -   Pag seguente  -    Indice "Ultimi Tempi    -   Home

 

 

 

 NOTE

 

(1)Intendiamo in questo caso il termine “religione” nel suo significato negativo, da “religio” cioè “legare” i pensieri senza farli sbocciare e crescere. In questo senso le religioni del mondo non “aprono” la mente, ma vengono gestite; e sempre in questa accezione, hanno come fine il controllo delle menti. Il nostro Dio non è così; Egli mette al primo posto la nostra libera scelta, a costo di annullarsi Lui stesso.

 

(2) Ovviamente è solo un esempio; poco si sa dell’energia dentro un buco nero, o per dirla in modo semplicistico non si sa “cosa ci sia dall’altra parte”. Tuttavia nella relatività del nostro sistema e della nostra fisica, ai fini del discorso che stiamo facendo, possiamo dire in modo molto generico che nel “buco nero” sparisce tutto.

 

(3) Gli scritti completi di quell’argomento sono in qs due file PDF: CINQUE MINUTI AL GIORNO: L’INZIO DELLA LIBERTA’ - Parte prima    e     CINQUE MINUTI AL GIORNO: L'INZIO DELLA LIBERTA' - PARTE SECONDA

 

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE