Perciò non ci scoraggiamo; ma, anche se il nostro uomo esteriore si va disfacendo, il nostro uomo interiore si rinnova di giorno in giorno. Perché la nostra momentanea, leggera afflizione ci produce un sempre più grande, smisurato peso eterno di gloria, mentre abbiamo lo sguardo intento non alle cose che si vedono, ma a quelle che non si vedono; poiché le cose che si vedono sono per un tempo, ma quelle che non si vedono sono eterne. (2Corinzi 4:16-18)

A vedere la durezza dei cuori, l’aumento della malvagità nel mondo e la derisione verso le cose di Dio, ci possiamo sentire fuori posto ed inutili, soprattutto quando vediamo che siamo invecchiati. Ma il Signore aveva detto che il mondo non avrebbe ascoltato, a parte qualcuno, per cui non ci dobbiamo abbattere. Noi viviamo per fede, ovvero abbiamo viventi nel nostro cuore le promesse di una nuova vita eterna. Se il tempo passa e noi siamo fisicamente sempre più deboli che importa? Noi abbiamo un corpo fisico che amiamo ed esegue fedelmente quanto gli comandiamo di fare, ma noi non siamo solo quel corpo: siamo un’anima vivente che avrà un nuovo corpo, come Gesù da risorto. Pensiamo allora a quel momento quando saremo con Lui e con quelli che in Lui hanno creduto! Una felicità immensa, infinita!


Rendere partecipi gli altri delle proprie riflessioni sulla Parola del Signore è bene ed utile. Mandate pure gli scritti a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Oggetto: "Verso del giorno"

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.