tachimetro lancetta verso il fuori giri

(Prosegue da IL GIUDIZIO COMINCIA PRIMA DA NOI, NELLA CHIESA - ut 287 )

Stiamo sempre facendo una lunga rincorsa preparatoria prima di entrare nelle modalità specifiche causate dallo spiritismo attuale, come tensioni tormenti e possessioni, cose che si sviluppano sotto i nostri occhi senza che ce ne rendiamo conto. Con queste riflessioni cerchiamo di comprendere come si arriva a questo. Oggi parliamo di disarmonie e sfasamenti dell’anima.

Nelle disarmonie dell’anima si tratta di attività che erano già iniziate da parte dell’ingannatore all’interno delle componenti umane (soprattutto in chi si allontana da Dio), ma che adesso premono più fortemente e cominciano a manifestarsi in modo inquietante. Il primo peccato in Eden ruppe l’armonia del progetto divino: l’uomo si staccò dal crescere indicato da Dio e cercò un altro crescere autonomo. Ne venne fuori una disarmonia tra l’uomo e Dio, e uno sfasamento nelle parti dell’uomo stesso. Questo sfasamento tra le componenti dell’uomo fu tale che da un insieme perfetto come erano, si divisero in se stesse, ed una parte fu contro l’altra generando confusione e anti-vita tra inquietudini, contrasti, conflitti, liti, uccisioni.

Noi abbiamo sempre considerato i conflitti, le guerre, le uccisioni, i suicidi, come fatti pratici oggettivi, quasi all’esterno di noi. Con l’avvento relativamente recente della psicologia abbiamo capito che c’è un universo anche dentro la nostra mente. Tutte le guerre di fuori sono forse il riflesso delle guerre dentro di noi (e viceversa); anche per questo, per far riequilibrare l’umanità, abbiamo cercato di studiare la mente, capirla e controllarla. Però, se posso esprimere una opinione del tutto personale, anche la psicologia, se non parte da Dio riconoscendoLo ed essendo da Lui riconsciuta, è destinata a fallire perché agirebbe solo sugli effetti e non sulle cause primarie. L’armonia, dal mio punto di vista di credente, sta nella creazione pensata da Dio, che l’uomo ha guastato; e l’equilibrio sta nel ritrovamento di Dio. Un ritrovamento che troppo spesso rimane come definizione e non come esperienza reale, pratica, sperimentabile. Se la fede fosse una concezione teorica andrebbe bene qualsiasi tecnica o disciplina in cui si abbia un minimo di fiducia. La soluzione nelle remote profondità delle nostre inquietudini invece (sempre secondo la linea di fede che io seguo) sta nel ritrovare un Essere vivo e vero in tutti i sensi, e di avere una fiducia tale in Lui da permettergli di “operare” quasi chirurgicamente, quasi manualmente nel nostro cuore e nella nostra mente. Dopodiché inizia una nuova armonia da subito, che non sarà perfetta, ma arriverà fino a dove può arrivare finché stiamo in questo sistema di cose; tuttavia anche se non ancora perfetta, è perfettamente predisposta dallo Spirito Santo ad un salto enorme di composizione, nel momento che il Signore ci trasformerà completamente. Allora si che Lo vedremo come Egli è perché saremo come Lui: 1Giovanni 3:2 “Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è stato ancora manifestato ciò che saremo. Sappiamo che quando egli sarà manifestato saremo simili a lui, perché lo vedremo com'egli è”.

Cerchiamo di approfondire in modo semplice come avvengono questi “sfasamenti” nelle parti dell’uomo:

Secondo le profonde spiegazioni dell’apostolo Paolo, come abbiamo visto più volte, la nostra persona completa, il nostro essere, è composto di tre parti: spirito anima e corpo, ed è nostro compito di cristiani “nati di nuovo”, appena ricevuto l’input divino della rinascita, saperlo conservare bene nella sua interezza al passo con lo Spirito Santo, fino a che il Signore tornerà: 1Tessalonicesi 5:23 “Or il Dio della pace vi santifichi egli stesso completamente; e l'intero essere vostro, lo spirito, l'anima e il corpo, sia conservato irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo”. Secondo il piano di Dio queste tre parti erano state create per crescere insieme, in modo armonioso. La tentazione del serpente invece ha spinto una delle parti a “girare” in modo troppo veloce rispetto a Dio e rispetto alle altre parti senza aspettarle, senza tenerne conto: l’inganno, cioè in questo caso lo sfasamento, è partito da qui: Genesi 3:5 “ma Dio sa che nel giorno che ne mangerete, i vostri occhi si apriranno e sarete come Dio, avendo la conoscenza del bene e del male”. Cioè il desiderio di possedere la conoscenza come mezzo per poter essere come Dio, ha fatto andare “fuori fase” parte della nostra persona. E’ come se in una macchina che procede a velocità normale, con tutti gli ingranaggi che girano in modo regolare cioè “in fase”, improvvisamente il motore andasse in “fuori giri” dove c’è  l’indicazione rossa per dire che è pericoloso. Non solo, ma andasse oltre il “fuori giri”, ancora più del “fondo scala” dell’indicatore di pericolo! E’ chiaro che prima si romperà un pezzo poi un altro e infine si fonderà tutto il motore. Ora tutti in Adamo abbiamo compromesso il nostro “motore”, ma tra noi c’è chi si è subito fermato dal meccanico e sta sostituendo i pezzi rovinati con altri nuovi, e chi invece prosegue la sua folle corsa incapace di arrestarsi. Ora nel percorso dell’umanità c’è una discesa verso l’abisso e qualcuno potrebbe non riuscire più a fermarsi. Il problema più grosso è per chi non si è fermato dal Meccanico (Gesù). Ma anche i credenti si possono trovare in una macchina che non è in perfette condizioni, e siccome la strada che ci si presenta adesso è fatta di salite ripidissime e discese improvvise pericolose e buche e ostacoli…  dobbiamo veramente vigilare e prepararci. Alcuni guasti erano prevedibili e bastava fare il “tagliando annuale”, ma ad altri non siamo preparati; per questo dobbiamo rileggere il libretto delle istruzioni (la Bibbia), verso l’ultima parte, lì dove i libretti di istruzioni fanno un elenco di possibili anomalie e rischi (Apocalisse) e dicono “cosa fare quando si presenta questa anomali…. cosa vuol dire quando si accende il simbolo di…”

(continua)

 


 

(1) La “santa risata” propagandata da alcune chiese, non è una manifestazione di felicità, ma una manifestazione emotiva fuori controllo da cui dovremmo prendere le distanze, come del resto da tutte le emozioni incontrollate, in cui non si sa bene a quel spirito il corpo si abbandoni. (https://www.gotquestions.org/Italiano/santa-risata.html )

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.