un giovane legge la Bibbia sul tavolo

La prospettiva del credente maturo è sempre il ritorno del Signore. Questa attesa piena di speranza non deve mai venire meno.

Ma cosa dobbiamo fare nell’attesa? 1 Timoteo 4:13 “Àpplicati, finché io venga, alla lettura, all'esortazione, all'insegnamento.” La lettura della Bibbia, la meditazione nella pace dei suoi insegnamenti, ci apre alla sapienza. L’esortazione e l’insegnamento sono due atti intelligenti che versano questa sapienza acquisita al di fuori di noi stessi.  L’interesse e l’amore per gli altri ci fanno percorrere le orme di Gesù, che non ha mai compiaciuto a se stesso.

E come possiamo realizzare nella pratica queste cose? Se davvero meditiamo ogni giorno la Scrittura, non avremo difficoltà a capire cosa ci ispira lo Spirito Santo.

 

FACCIAMO UN ESEMPIO: Prendiamo Romani 14 e i primi versetti di Romani 15. In questi passi abbiamo tre importanti indicazioni pratiche

la prima indicazione in Rom 14:1-12 ci invita ad accogliere, a non giudicare, a non disprezzare gli altri, soprattutto quelli più deboli nella fede. E’ facile da capire ma difficile da applicare. E’ bene riflettere dove giudichiamo troppo, è proprio nell’ascolto biblico dello Spirito Santo che verranno messi in luce i punti da migliorare in noi.

 La seconda indicazione (Rom 14:13-23) è quella di “non far inciampare” il fratello che si avvicina a Dio. Anche questo è più difficile di quello che sembra, e anche questo merita riflessioni. Rom 14:19 Cerchiamo dunque di conseguire le cose che contribuiscono alla pace e alla reciproca edificazione

La terza indicazione (Rom 15:1-7) è quella di imitare Cristo e servire gli altri. Servire è mettere se stesso in secondo piano, per l’edificazione del fratello, non è dimostrazione di aver ragione in qualche punto dottrinale. Rom 15:2-3 “Ciascuno di noi compiaccia al prossimo, nel bene, a scopo di edificazione. Infatti anche Cristo non compiacque a se stesso; ma come è scritto: «Gli insulti di quelli che ti oltraggiano sono caduti sopra di me».”

Prendiamoci un minimo di tempo per queste riflessioni: aiutiamoci magari con un quaderno e scriviamo qualche appunto mentre ci pensiamo.

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.