terreno desertificato e simbolo di ok

Peggio degli empi che dissacrano Dio e compiono abominazioni c’è solo chi, usando autorità religiosa/politica, tollera l'andazzo perverso di questo mondo e dice: “Va tutto bene, non vi preoccupate, siate voi stessi, il Signore è buono e perdona tutti." 

Vi sono comportamenti inaccettabili, soprattutto da parte dei cosiddetti “falsi profeti” che parlano ai credenti:  Geremia 23:17 Dicono del continuo a quelli che mi disprezzano: "L'Eterno ha detto: Avrete pace"; e a tutti quelli che camminano nella caparbietà del proprio cuore: "Nessun male verrà su di voi".  21 Io non ho mandato quei profeti; ma essi sono corsi; non ho parlato loro, ma essi hanno profetizzato. (Geremia 23:17 e 21)

Questo rispecchia molto bene la tendenza di molte chiese moderne, pronte a giustificare l’ingiustizia in nome di un generico buonismo che non ha nulla a che vedere con le indicazioni dello Spirito Santo, che richiama invece alla conversione ed alla moralità. "Moralità" una parola importante che opggi viene guardata sempre con sospetto e confusa col "moralismo".

La gravità di questa situazione nella casa di Dio (cioè nelle varie chiese cristiane del mondo) non può restare impunita per un motivo importante:

Geremia 23:14 Anche tra i profeti di Gerusalemme ho visto cose nefande: commettono adulteri, camminano con falsità, rafforzano le mani dei malfattori, e così nessuno si converte dalla sua malvagità. Per me sono tutti come Sodoma, e i suoi abitanti come Gomorra». 

Quando la stessa casa di Dio si comporta male, dà il cattivo esempio e impedisce  la vera conversione dei fedeli. Per colpa di queste persone insomma, chiamate da Dio a ruoli di responsabilità religiosa, molte anime si perdono e rischiano di morire nel peccato.

Per questo il Signore interverrà: strapperà le “pecore perdute” dalle loro mani e ne avrà cura direttamente;  allo stesso tempo colpirà con decisione questi predicatori superficiali “buonisti” e spesso molto corrotti, che Lui non ha mai autorizzato.

 

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.