La promessa del Signore

La promessa del Signore

« E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi » (Giovanni 14:3)
sguardo di un uomo nel deserto

Tutta la vita terrena è l’occasione data all’uomo per conoscere e prepararsi all’incontro col Divino. Questo incontro può essere personale (cioè una crescita interiore, spirituale per tutto il tempo della nostra vita terrena), può culminare nel prossimo rapimento dei credenti, oppure terminare nel giudizio finale. Ci occuperemo qui del primo, cioè la preparazione personale ad opera dello Spirito Santo in ogni credente. E' mia opinione che in questo tempo specifico che stiamo vivendo, questa preparazione personale potrebbe anche coincidere con quella prima del rapimento.

Infiniti sono i modi che Dio usa per prepararci ad incontrarLo; nei nostri scritti e nei nostri video ci siamo soffermati principalmente su due punti:

1) La separazione dal mondo;

2) La raffinazione.

 1) LA SEPARAZIONE DAL MONDO

“Perciò, ecco, io l'attirerò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore” (Osea 2:14)

Siamo come quei bambini vivaci e capricciosi che giocano in mezzo alla strada quando la madre li chiama a fare i compiti: questo ritiro “forzato”, proprio non ci va. L’isolamento ci sembra una punizione e cerchiamo di scappare, scalciamo, vorremmo tornare per la strada… Ma spesso la vita stessa agisce come un educatore severo: vi sono circostanze in cui siamo “costretti” a isolarci; parlo delle crisi esistenziali, dei lutti, delle delusioni… parlo della sofferenza, del dolore. E’ spesso in questo profondo tempestoso travaglio che emerge una stabilità indistinta che ci appare come salvezza e  consolazione.

Ma questo ritiro non è solo una richiesta forzata che all'inzio eseguiamo di malavoglia: c’è dentro di noi come un richiamo ancestrale difficile da definire che ci spinge alle volte a restare da soli, come quando si va senza motivo in riva al mare con lo sguardo lontano…  o su una montagna a contemplare un paesaggio mentre la mente vola chissà dove…  un misto di malinconia e rimpianto… qualcosa che arde dentro al cuore,  forse piange, forse vuole uscire…

E’ qui, nei silenzi e negli incendi di sentimenti poco conosciuti, che a qualcuno capita di percepire per la prima volta Dio.

Una volta provata questa sensazione molto particolare, quando poi torni “nel mondo”, ti rendi conto che un pezzetto di te è rimasto là, nell’oceano infinito, nel cielo stellato, e ne senti una struggente nostalgia. Non puoi non tornarci, anche se non sai perché.

Io credo che il motivo sia la nostra anima assetata che cerca Dio e desidera quei posti dove Lo sente più vicino.

2) LA RAFFINAZIONE

«Farò rimanere in mezzo a te un popolo umile e povero, che confiderà nel nome dell'Eterno. Il residuo d'Israele non commetterà iniquità e non dirà più menzogne, né si troverà nella loro bocca lingua ingannatrice; poiché essi pascoleranno il loro gregge, si coricheranno e nessuno li spaventerà» (Sofonia 3:12-13)

Nel futuro “millennio” quando Cristo governerà sulla terra, il residuo di Israele sarà purificato risanato riabilitato, così per noi cristiani già adesso è in corso una purificazione e una riedificazione.

Dopo averci chiamato in disparte ed innestati nel Suo popolo, il Signore ci istruisce, fa di noi dei nuovi discepoli, dei servitori. Non tutti quelli chiamati però apprezzano il discepolato. Molti tornano indietro come gli Israeliti appena liberati dagli Egiziani, che alle prime difficoltà del deserto si ribellarono e volevano tornare indietro; come la moglie di Lot che si voltò rimpiangendo Sodoma; o come il giovane ricco, che alla fine tra Gesù e le ricchezze terrene preferì le ricchezze.

Seguire Gesù non significa quasi mai successo e denaro sulla terra, ma più facilmente significa portarsi la propria croce, il dovere del presente, l’obbedienza, l’amore per il prossimo, anche quando questo diventa pesante responsabilità.

Può lasciare perplessi questo dislivello tra l’apparente benessere degli empi (=senza Dio) e la vita riservata umile, apparentemente ingiusta, dei credenti; tuttavia la nostra fiducia in Chi ci ha chiamato è superiore alle attrattive del mondo. Noi sappiamo di avere un percorso, uno scopo, una finalità, un incontro sublime che ci attende; non ci interessa allora una vita terrena dove tutti sono contro tutti! Il Signore ci ha detto che siamo stati creati per entrare in un luogo chiamato “eternità” dove conosceremo Dio faccia a faccia, ed in questo crediamo.

Docilmente dunque curiamo proteggiamo questa riservatezza che ci appare cara ed amata, come una protezione, come un deserto desiderato per sgombrare la mente, soffice, dove lo Spirito di Dio ci avvolge simile ad un vento asciutto e caldo. Sarà sempre più bello passeggiare in quel silenzio che ci siamo fatti amico, cullando la speranza sempre più viva di veder tornare il Signore.

 

 

Ultimi Articoli

212) ASINA E PULEDRINA

08 Dic 2021 Immagini & Parole

In aperta campagna sotto un albero vicino la strada ho visto un’asina con la sua puledrina e mi sono fermato. Il loro sguardo dolce. Ho percepito quella serena intimità. Quante cose belle non vediamo più nella fretta del nostro...

297) ESITAZIONE

08 Dic 2021 Immagini & Parole

Le altezze e le profondità a volte stancano. A volte, la sera esige il suo riposo e il mattino la sua spensieratezza.   Con sollievo si sfiorano i contorni noti; con stupore si accettano i minuti e le ore di un giorno...

511) IL SIGNORE PUO' PERDONARE UN PECCATO CHE SI RIPETE?

05 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Il Signore può continuare a perdonare un peccato ripetuto? RISPOSTA: Il Signore legge i cuori (1), ovverosia conosce le intenzioni del tuo cuore quando, nella tua riservatezza, va a confessarti davanti a Lui (2). Questo...

15) IL PASTORE DA SOLO NON BASTA

04 Dic 2021 Le nostre comunità

Evitare gli accentramenti delle attività - far crescere i fedeli - la chiave è "servire" Nella maggioranza delle chiese evangeliche  la figura del pastore ha assunto dei contorni simili a quelli del prete cattolico e questo, a nostro...

119) NON AVRAI ALTRO DIO... UNA BREVE RIFLESSIONE PSICOLOGICA DAL PRIMO COMANDAMENTO - GLI ATTACCAMENTI

03 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

[IMMAGINE:L'aspirazione del vitello d'oro. Opera di Marc Chagall]  Siamo esseri umani e come tali terreni, ma sempre un po' a metà tra terra e cielo, tra ragione e sentimento, tra razionalità ed emozioni. Ci attacchiamo alle persone,...

510) NELLA SITUAZIONE PRESENTE NON PERDIAMO DI VISTA IL PROGETTO DI DIO

03 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Ciao Renzo...io credo che in questo periodo la scienza cerca di imporsi come una nuova religione e i virologi e affini sono i sommi sacerdoti e si servono delle leggi emanati dai politici per porre il loro sistema terapeutico......

45) DAL SENSO DI COLPA ALLE LIBERE SCELTE RESPONSABILI

01 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

Il senso di colpa nasce dalla sensazione di aver commesso qualcosa di male, di dannoso o criticabile da altri. Ci tengo a sottolineare subito un aspetto. Quando la colpa è oggettiva, reale, quando effettivamente e razionalmente posso...

14) SALMO 93 – POTENZA E MAESTA’ DEL REGNO DI DIO

30 Nov 2021 Audio

Sal 93:1 L'Eterno regna; egli si è rivestito di maestà; l'Eterno si è ammantato, si è cinto di forza. Sì, il mondo è stabile, non sarà mai smosso. 2 Il tuo trono è saldo da sempre; tu sei da sempre. 3 I fiumi hanno elevato, o Eterno, i...

272) RIDIMENSIONIAMOCI - Non abbiamo trovato nulla da soli, siamo stati inseriti da Dio in un progetto già esistente

29 Nov 2021 Brevi Studi

Ricordiamoci sempre che l’uomo, nonostante si creda sapiente, conosce molto poco di se stesso e dell’universo.(1)   Di Dio poi sappiamo  poco o niente. Questo per dire che dovremmo partire con modestia in ogni tipo di ricerca, sia essa...

509) GERUSALEMME CELESTE DIMENSIONI E RAGIONAMENTI

28 Nov 2021 Posta PIC

DOMANDA: ma il cubo e' 2200 chilometri di lato ? [ dopo aver visto il video 113 APOCALISSE P. 46 - CAP. 21:10-21 - GERUSALEMME CELESTE NEL DETTAGLIO - SIMBOLOGIA FORMA CUBICA, in   https://youtu.be/Y-w8UMDWIiI  ] RISPOSTA: Sono andato a...

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.