La promessa del Signore

La promessa del Signore

« E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi » (Giovanni 14:3)
Dipinto che raffigura Anania che impone le mani a Paolo

"Fratello Saulo, ricupera la vista". E in quell'istante riebbi la vista e lo guardai (Atti 22:13)

Quello che stiamo vivendo tutti è un periodo particolare e non c’è bisogno di spiegare il perché. Ci siamo trovati di fronte a una pandemia e non sappiamo come andrà a finire e, nello stesso tempo, si è scatenata anche quella che è stata definita “infodemia”, cioè la “Circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento per la difficoltà di individuare fonti affidabili” (cfr Treccani.it, voce infodemia).

È comprensibile il senso di paura e di smarrimento, visto che il pericolo è reale, così come la necessità di capire, di sapere come sia meglio comportarsi. Scienziati, politici, giornalisti in tutto il mondo da mesi non si occupano di altro.

In una situazione come questa, in cui gli ottimisti dicevano che sarebbe aumentata la solidarietà, la fratellanza, ecc., si vede sempre più il tentativo di far prevalere le proprie opinioni su quelle degli altri, sui social è un delirio, i politici sono sempre più narcisisti e al centro dell’attenzione e sono presenti in TV, sui giornali, sui social media. Spesso si presta più attenzione alle vicende di gossip, alle notizie superficiali.

E allora, stacchiamoci per un momento dalla cronaca, dalla pandemia, da tutti coloro che hanno una soluzione a buon prezzo e che pretendono di guidare gli altri.

Come cristiani, dovremmo farci guidare da Gesù in tutto e, invece, non sempre è così. È vero siamo credenti, preghiamo, aiutiamo il prossimo ma molto spesso, e parlo soprattutto per me, prevale la razionalità, il dover fare i conti con il quotidiano e allora sembra difficile riuscire a capire cosa ci direbbe o cosa mi direbbe oggi Gesù. La dimensione spirituale dovrebbe essere la nostra bussola. Eppure, nonostante la preghiera, la fede, non sempre riusciamo a calare nella nostra realtà un cristianesimo vivo.

In un momento di insicurezza, di confusione, per il trambusto che ci circonda, ho provato a chiedere a Dio di illuminarmi attraverso la Sua Parola e mi sono soffermata su Atti 22:12 in cui Paolo recupera la vista dopo essere rimasto tre giorni senza vedere.

-Signore, cos’è che non riusciamo a capire, cos’è che non riusciamo a vedere?-

Ora, dopo un periodo in cui tra alti e bassi, la paura, seppur ragionata, del Covid, problemi di ordine pratico, le preoccupazioni familiari, il lavoro, piccole soddisfazioni personali, lo svago dei social, sempre più spesso vissuto come uno spreco di tempo e di energie, ecco che ho trovato finalmente il coraggio non di rifare ordine ma di cominciare a pensare di rifare ordine. E il primo messaggio è stato quello degli Atti, con le riflessioni che ne sono venute.

Sono a un nuovo inizio? Chissà. Questo però mi rende difficile poter presentare una riflessione ed essere edificante per gli altri. Difficile prescindere da se stessi e da quello che si prova. In questi ultimi tempi mi sono sentita scarica, svuotata, ho bisogno di ricaricarmi, di fare chiarezza e non sempre trovo gli stimoli per la lettura della Parola o per approfondirla. Quando succede, come in questo caso, mi rendo conto che quei versetti, per quanto scomodi, sono proprio per me. È evidente che per il Signore poco conta se c’è un po’ più di verità in un politico o in un altro, se il complottista di turno, tra tante sciocchezze, dica qualcosa di vero. Se veramente il Signore ci apre gli occhi, ci chiede di seguire Lui e nessun altro. In questo periodo, mi sono rifugiata nella natura, nella meditazione delle meraviglie della creazione. Non è male, anzi ne ho tratto consolazione e pace ma dalle creature bisogna necessariamente risalire al Creatore, alzare lo sguardo su di Lui. E mi sa che non vuole che ci limitiamo a contemplare le sue opere ma ad andare oltre.

Ultimi Articoli

212) ASINA E PULEDRINA

08 Dic 2021 Immagini & Parole

In aperta campagna sotto un albero vicino la strada ho visto un’asina con la sua puledrina e mi sono fermato. Il loro sguardo dolce. Ho percepito quella serena intimità. Quante cose belle non vediamo più nella fretta del nostro...

297) ESITAZIONE

08 Dic 2021 Immagini & Parole

Le altezze e le profondità a volte stancano. A volte, la sera esige il suo riposo e il mattino la sua spensieratezza.   Con sollievo si sfiorano i contorni noti; con stupore si accettano i minuti e le ore di un giorno...

511) IL SIGNORE PUO' PERDONARE UN PECCATO CHE SI RIPETE?

05 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Il Signore può continuare a perdonare un peccato ripetuto? RISPOSTA: Il Signore legge i cuori (1), ovverosia conosce le intenzioni del tuo cuore quando, nella tua riservatezza, va a confessarti davanti a Lui (2). Questo...

15) IL PASTORE DA SOLO NON BASTA

04 Dic 2021 Le nostre comunità

Evitare gli accentramenti delle attività - far crescere i fedeli - la chiave è "servire" Nella maggioranza delle chiese evangeliche  la figura del pastore ha assunto dei contorni simili a quelli del prete cattolico e questo, a nostro...

119) NON AVRAI ALTRO DIO... UNA BREVE RIFLESSIONE PSICOLOGICA DAL PRIMO COMANDAMENTO - GLI ATTACCAMENTI

03 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

[IMMAGINE:L'aspirazione del vitello d'oro. Opera di Marc Chagall]  Siamo esseri umani e come tali terreni, ma sempre un po' a metà tra terra e cielo, tra ragione e sentimento, tra razionalità ed emozioni. Ci attacchiamo alle persone,...

510) NELLA SITUAZIONE PRESENTE NON PERDIAMO DI VISTA IL PROGETTO DI DIO

03 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Ciao Renzo...io credo che in questo periodo la scienza cerca di imporsi come una nuova religione e i virologi e affini sono i sommi sacerdoti e si servono delle leggi emanati dai politici per porre il loro sistema terapeutico......

45) DAL SENSO DI COLPA ALLE LIBERE SCELTE RESPONSABILI

01 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

Il senso di colpa nasce dalla sensazione di aver commesso qualcosa di male, di dannoso o criticabile da altri. Ci tengo a sottolineare subito un aspetto. Quando la colpa è oggettiva, reale, quando effettivamente e razionalmente posso...

14) SALMO 93 – POTENZA E MAESTA’ DEL REGNO DI DIO

30 Nov 2021 Audio

Sal 93:1 L'Eterno regna; egli si è rivestito di maestà; l'Eterno si è ammantato, si è cinto di forza. Sì, il mondo è stabile, non sarà mai smosso. 2 Il tuo trono è saldo da sempre; tu sei da sempre. 3 I fiumi hanno elevato, o Eterno, i...

272) RIDIMENSIONIAMOCI - Non abbiamo trovato nulla da soli, siamo stati inseriti da Dio in un progetto già esistente

29 Nov 2021 Brevi Studi

Ricordiamoci sempre che l’uomo, nonostante si creda sapiente, conosce molto poco di se stesso e dell’universo.(1)   Di Dio poi sappiamo  poco o niente. Questo per dire che dovremmo partire con modestia in ogni tipo di ricerca, sia essa...

509) GERUSALEMME CELESTE DIMENSIONI E RAGIONAMENTI

28 Nov 2021 Posta PIC

DOMANDA: ma il cubo e' 2200 chilometri di lato ? [ dopo aver visto il video 113 APOCALISSE P. 46 - CAP. 21:10-21 - GERUSALEMME CELESTE NEL DETTAGLIO - SIMBOLOGIA FORMA CUBICA, in   https://youtu.be/Y-w8UMDWIiI  ] RISPOSTA: Sono andato a...

282) GERMOGLI DI MENTUCCIA

27 Nov 2021 Riflessioni in Pillole

[scritto del marzo 2013] Per una fastidiosa influenza sono stato a casa una decina di giorni lasciando questo studio vuoto perché si trova in un luogo distante. Avevo fatto un salto, tempo fa, solo per innaffiare e mettere fuori dalla...

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.