La promessa del Signore

La promessa del Signore

« E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi » (Giovanni 14:3)
Crogiolo con metallo incandescente

"Ora l’anima mia è turbata; e che dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma per questo io sono giunto a quest’ora." (Giovanni 12:27)

Questo versetto oggi mi ha sorpreso, lasciata muta, sorpresa.

Nei versetti precedenti Gesù dice che se il granello di frumento non muore rimane solo, deve morire per produrre molto frutto (v.24). Nel testo, dopo un po’, arriva il v.27. Vorrei leggere queste parole, capire questo messaggio, anche secondo un’ottica psicologica.

Qui si parla di un’anima turbata da ciò che sta vivendo, da uno stato emotivo, che ha paura di ciò che accade o sta per accadere. Vorrebbe essere risparmiata, sollevata, esonerata, vorrebbe scappare ed evitare quella situazione.

Facciamo sempre resistenza difronte al dolore, eppure il dolore è sempre portatore di un messaggio, ci parla sempre, ci dà sempre qualche informazione su di noi, su qualcosa che dovremmo analizzare meglio di noi stessi o del nostro ambiente. La sofferenza indica disagio, disarmonia, disturbo, ma noi tendiamo a voler immediatamente allontanarci dalla sofferenza prima ancora di ascoltare e capire cosa esattamente ci sta accadendo.

“Salvami da quest’ora?”

 Le cose accadono, noi non sappiamo fino in fondo perché. Ci diamo tante spiegazioni, ricerchiamo le relazioni causa-effetto cercando la causa prima, ma ci sfuggirà sempre il vero motivo, la causa all’origine di tutta la catena degli eventi.

“Ma per questo io sono giunto a quest’ora!” 

Tutto è accaduto in un certo modo proprio perché quell’anima arrivasse a quel punto, a quel momento doloroso. E’ un passaggio necessario al piano di Dio.

Quante volte anche noi ci siamo trovati in un momento così, in cui soffriamo per qualcosa che non riusciamo ad accettare, per qualcosa di troppo doloroso da farsene una ragione? Una situazione pesante che si trascina da tempo o che sta per arrivare, un lutto improvviso inaccettabile, la perdita di qualcosa che ci è necessario… o anche siamo stati in una sofferenza psicologica, interiore, un conflitto forte o un momento di grande confusione dove ci siamo sentiti persi, senza via d’uscita, senza speranza.

Noi che siamo credenti, che abbiamo fede, possiamo dare un senso anche a momenti di questo genere: noi sappiamo che c’è un piano di Dio, un programma su di noi, uno su ciascuno di noi. Possibile che dimentichiamo il fatto che siamo parte di un progetto divino? Non possiamo scordare che ogni evento, ogni accadimento, è pianificato da Dio, da Lui previsto, le nostre conquiste come le nostre sconfitte, le nostre gioie come i nostri dolori, i momenti facili come quelli difficoltosi.

Non voglio certo dire che le sofferenze e le disgrazie sono mandate da Dio ma che possiamo interpretarle e considerarle come parte del percorso di maturazione, di crescita interiore personale per avvicinarci di più a Dio.

Ecco, come l'argilla è nelle mani del vasaio, così voi siete nelle mie mani  (Geremia 18:5)

"Perciò voi esultate anche se ora, per breve tempo, è necessario che siate afflitti da svariate prove, affinché la vostra fede, che viene messa alla prova, che è ben più preziosa dell'oro che perisce, e tuttavia è provato con il fuoco, sia motivo di lode, di gloria e di onore al momento della manifestazione di Gesù Cristo." (1Pietro:6-7)

C’è un nesso certamente tra il seme che deve morire per dar frutto e l’accettazione della sofferenza: accettare il patimento significa morire a se stessi, morire nelle aspettative, abbandonare i programmi, il controllo sugli eventi quando è evidente che non abbiamo alcun potere di modificare l’andamento delle cose.

Il seme che muore darà molto frutto.

Accettare i momenti difficili, la fatica durante le crisi, e morire a se stessi per dare tempo alla costruzione di Dio, far spazio alla nuova nascita, alla nuova vita, quella che Dio ha in mente per noi. Dobbiamo lasciarlo fare, dobbiamo permettergli di lavorare su di noi, come lasciamo fare ad un medico che maneggia sulla nostra ferita infetta mentre noi piangiamo per il dolore.

Ultimi Articoli

212) ASINA E PULEDRINA

08 Dic 2021 Immagini & Parole

In aperta campagna sotto un albero vicino la strada ho visto un’asina con la sua puledrina e mi sono fermato. Il loro sguardo dolce. Ho percepito quella serena intimità. Quante cose belle non vediamo più nella fretta del nostro...

297) ESITAZIONE

08 Dic 2021 Immagini & Parole

Le altezze e le profondità a volte stancano. A volte, la sera esige il suo riposo e il mattino la sua spensieratezza.   Con sollievo si sfiorano i contorni noti; con stupore si accettano i minuti e le ore di un giorno...

511) IL SIGNORE PUO' PERDONARE UN PECCATO CHE SI RIPETE?

05 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Il Signore può continuare a perdonare un peccato ripetuto? RISPOSTA: Il Signore legge i cuori (1), ovverosia conosce le intenzioni del tuo cuore quando, nella tua riservatezza, va a confessarti davanti a Lui (2). Questo...

15) IL PASTORE DA SOLO NON BASTA

04 Dic 2021 Le nostre comunità

Evitare gli accentramenti delle attività - far crescere i fedeli - la chiave è "servire" Nella maggioranza delle chiese evangeliche  la figura del pastore ha assunto dei contorni simili a quelli del prete cattolico e questo, a nostro...

119) NON AVRAI ALTRO DIO... UNA BREVE RIFLESSIONE PSICOLOGICA DAL PRIMO COMANDAMENTO - GLI ATTACCAMENTI

03 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

[IMMAGINE:L'aspirazione del vitello d'oro. Opera di Marc Chagall]  Siamo esseri umani e come tali terreni, ma sempre un po' a metà tra terra e cielo, tra ragione e sentimento, tra razionalità ed emozioni. Ci attacchiamo alle persone,...

510) NELLA SITUAZIONE PRESENTE NON PERDIAMO DI VISTA IL PROGETTO DI DIO

03 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Ciao Renzo...io credo che in questo periodo la scienza cerca di imporsi come una nuova religione e i virologi e affini sono i sommi sacerdoti e si servono delle leggi emanati dai politici per porre il loro sistema terapeutico......

45) DAL SENSO DI COLPA ALLE LIBERE SCELTE RESPONSABILI

01 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

Il senso di colpa nasce dalla sensazione di aver commesso qualcosa di male, di dannoso o criticabile da altri. Ci tengo a sottolineare subito un aspetto. Quando la colpa è oggettiva, reale, quando effettivamente e razionalmente posso...

14) SALMO 93 – POTENZA E MAESTA’ DEL REGNO DI DIO

30 Nov 2021 Audio

Sal 93:1 L'Eterno regna; egli si è rivestito di maestà; l'Eterno si è ammantato, si è cinto di forza. Sì, il mondo è stabile, non sarà mai smosso. 2 Il tuo trono è saldo da sempre; tu sei da sempre. 3 I fiumi hanno elevato, o Eterno, i...

272) RIDIMENSIONIAMOCI - Non abbiamo trovato nulla da soli, siamo stati inseriti da Dio in un progetto già esistente

29 Nov 2021 Brevi Studi

Ricordiamoci sempre che l’uomo, nonostante si creda sapiente, conosce molto poco di se stesso e dell’universo.(1)   Di Dio poi sappiamo  poco o niente. Questo per dire che dovremmo partire con modestia in ogni tipo di ricerca, sia essa...

509) GERUSALEMME CELESTE DIMENSIONI E RAGIONAMENTI

28 Nov 2021 Posta PIC

DOMANDA: ma il cubo e' 2200 chilometri di lato ? [ dopo aver visto il video 113 APOCALISSE P. 46 - CAP. 21:10-21 - GERUSALEMME CELESTE NEL DETTAGLIO - SIMBOLOGIA FORMA CUBICA, in   https://youtu.be/Y-w8UMDWIiI  ] RISPOSTA: Sono andato a...

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.