La promessa del Signore

La promessa del Signore

« E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi » (Giovanni 14:3)
Dipinto che raffigura due donne

Dalla lettura del testo biblico di Ruth si possono estrarre temi importanti su diversi piani, dal teologico allo psicosociale (la solidarietà, l’accoglienza dello straniero, la fedeltà, l’amicizia…).

In questa occasione vorrei estrapolare dalla storia di Ruth e Noemi un argomento che mi sembra utile e attuale: il rovesciamento della propria sorte, il cambiamento delle condizioni della propria vita, da felici a disperate o viceversa.

Quello a cui assistiamo nel libro di Ruth è una tragedia con un lieto fine, una trasformazione totale delle condizioni iniziali delle protagoniste le quali, da emarginate (donne, povere, vedove, sole e straniere) alla fine si ritrovano in una condizione decisamente migliore, addirittura allietate dalla nascita di un bambino che sarà Obed, il nonno del re Davide (Rut 4:17).

- La vita ci porta sorprese: noi facciamo programmi, scelte, progetti, poi accade qualcosa che sconvolge tutto. Ne abbiamo fatto esperienza tutti attraverso la pandemia, anche se in misura diversa ogni individuo, grande e piccolo, ha subìto un cambiamento del proprio stato, lo stravolgimento del proprio schema di vita, sul lavoro, nelle relazioni, nell’organizzazione delle proprie attività.

Anche Ruth, insieme alla suocera Noemi e alla cognata Orpa, avevano fatto esperienza di qualcosa del genere: Noemi aveva un marito, Elimelec e due figli; a causa di una carestia [1° evento] non possono far altro che emigrare in un’altra terra. Ma ad un certo punto Elimelec muore [2° evento]; i figli prendono moglie - Ruth e Orpa - ma poi muoiono  anche loro [3° evento] lasciando le tre donne da sole. Da un viaggio della speranza, progettato con l’obiettivo di andare a stare meglio, ne viene fuori un fallimento: il “caso” rovescia le sorti e le donne si ritrovano in terra straniera, sole e povere.

- Quante volte stava andando bene e poi ci è accaduto qualcosa di imprevisto che ha rovinato tutto? Siamo stati bravi se, difronte a questo evento negativo, siamo riusciti a reagire, a resistere e a prendere una decisione che suonava come un rimedio, una soluzione, come per esempio può esserlo a volte un trasferimento, un cambiamento di lavoro, la scelta di separarsi dal partner.  

Si chiama resilienza, la capacità di riemergere dalle proprie ceneri, di risollevarsi e far fronte alla situazione problematica.

Ma può accadere che quella scelta costata così cara, perché nata come reazione ad una disgrazia, a sua volta porti altri problemi. Ci sembrerebbe proprio che Dio si stia sbagliando, che tutto vada contro di noi.

Non siamo sempre così capaci di risollevarci, anzi. A volte non ce la facciamo e restiamo a terra, disperati, pensando che non ci sia più niente da fare per cambiare la nostra esistenza. Subentra la mancanza di speranza, il desiderio di morire.

Eppure non si può escludere la possibilità che accada ancora qualcosa di buono, qualcosa che possa ridare una svolta positiva a tutto, e di nuovo rovesciare le cose in meglio.

 E’ quello che accade a Ruth e Noemi, ma attenzione: loro non stanno con le mani in mano! Le due donne, presa coscienza della situazione veramente misera in cui si trovano, si attivano, riflettono sul da farsi, prendono decisioni, si muovono comunque, senza chiedersi se riusciranno o no ma comunque spinte dal desiderio di andare avanti per migliorare il loro stato. Ed infatti accadranno altre cose, fatti imprevisti, come un’opportunità di lavoro (Ruth va a spigolare), un incontro con un uomo comprensivo e attento (Boaz), gesti di gentilezza e generosità che orienteranno verso una ripresa.

- Noi non sappiamo chi incontreremo, cosa accadrà in futuro ma sappiamo che le cose che ci accadono acquistano un senso soltanto se andiamo avanti, se procediamo lungo la linea della vita, perché gli eventi, gli accadimenti, sono interrelati, collegati tra loro, e ciò che sembra inutile o senza motivo, svela la sua ragion d’essere dopo, in un altro tempo che vedremo. E allora capiremo perché bisognava che ci accadesse quel fatto doloroso, perché serviva soffrire un danno o attraversare quel periodo di disperazione.

Le crisi sono spesso le porte di accesso ai buoni cambiamenti.

Ultimi Articoli

212) ASINA E PULEDRINA

08 Dic 2021 Immagini & Parole

In aperta campagna sotto un albero vicino la strada ho visto un’asina con la sua puledrina e mi sono fermato. Il loro sguardo dolce. Ho percepito quella serena intimità. Quante cose belle non vediamo più nella fretta del nostro...

297) ESITAZIONE

08 Dic 2021 Immagini & Parole

Le altezze e le profondità a volte stancano. A volte, la sera esige il suo riposo e il mattino la sua spensieratezza.   Con sollievo si sfiorano i contorni noti; con stupore si accettano i minuti e le ore di un giorno...

511) IL SIGNORE PUO' PERDONARE UN PECCATO CHE SI RIPETE?

05 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Il Signore può continuare a perdonare un peccato ripetuto? RISPOSTA: Il Signore legge i cuori (1), ovverosia conosce le intenzioni del tuo cuore quando, nella tua riservatezza, va a confessarti davanti a Lui (2). Questo...

15) IL PASTORE DA SOLO NON BASTA

04 Dic 2021 Le nostre comunità

Evitare gli accentramenti delle attività - far crescere i fedeli - la chiave è "servire" Nella maggioranza delle chiese evangeliche  la figura del pastore ha assunto dei contorni simili a quelli del prete cattolico e questo, a nostro...

119) NON AVRAI ALTRO DIO... UNA BREVE RIFLESSIONE PSICOLOGICA DAL PRIMO COMANDAMENTO - GLI ATTACCAMENTI

03 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

[IMMAGINE:L'aspirazione del vitello d'oro. Opera di Marc Chagall]  Siamo esseri umani e come tali terreni, ma sempre un po' a metà tra terra e cielo, tra ragione e sentimento, tra razionalità ed emozioni. Ci attacchiamo alle persone,...

510) NELLA SITUAZIONE PRESENTE NON PERDIAMO DI VISTA IL PROGETTO DI DIO

03 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Ciao Renzo...io credo che in questo periodo la scienza cerca di imporsi come una nuova religione e i virologi e affini sono i sommi sacerdoti e si servono delle leggi emanati dai politici per porre il loro sistema terapeutico......

45) DAL SENSO DI COLPA ALLE LIBERE SCELTE RESPONSABILI

01 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

Il senso di colpa nasce dalla sensazione di aver commesso qualcosa di male, di dannoso o criticabile da altri. Ci tengo a sottolineare subito un aspetto. Quando la colpa è oggettiva, reale, quando effettivamente e razionalmente posso...

14) SALMO 93 – POTENZA E MAESTA’ DEL REGNO DI DIO

30 Nov 2021 Audio

Sal 93:1 L'Eterno regna; egli si è rivestito di maestà; l'Eterno si è ammantato, si è cinto di forza. Sì, il mondo è stabile, non sarà mai smosso. 2 Il tuo trono è saldo da sempre; tu sei da sempre. 3 I fiumi hanno elevato, o Eterno, i...

272) RIDIMENSIONIAMOCI - Non abbiamo trovato nulla da soli, siamo stati inseriti da Dio in un progetto già esistente

29 Nov 2021 Brevi Studi

Ricordiamoci sempre che l’uomo, nonostante si creda sapiente, conosce molto poco di se stesso e dell’universo.(1)   Di Dio poi sappiamo  poco o niente. Questo per dire che dovremmo partire con modestia in ogni tipo di ricerca, sia essa...

509) GERUSALEMME CELESTE DIMENSIONI E RAGIONAMENTI

28 Nov 2021 Posta PIC

DOMANDA: ma il cubo e' 2200 chilometri di lato ? [ dopo aver visto il video 113 APOCALISSE P. 46 - CAP. 21:10-21 - GERUSALEMME CELESTE NEL DETTAGLIO - SIMBOLOGIA FORMA CUBICA, in   https://youtu.be/Y-w8UMDWIiI  ] RISPOSTA: Sono andato a...

282) GERMOGLI DI MENTUCCIA

27 Nov 2021 Riflessioni in Pillole

[scritto del marzo 2013] Per una fastidiosa influenza sono stato a casa una decina di giorni lasciando questo studio vuoto perché si trova in un luogo distante. Avevo fatto un salto, tempo fa, solo per innaffiare e mettere fuori dalla...

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.