La promessa del Signore

La promessa del Signore

« E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi » (Giovanni 14:3)
Doppia spirale in orizzontale

"SE IO NON SONO PER ME, CHI È PER ME? E QUANDO IO SONO SOLAMENTE PER ME STESSO, COSA SONO IO?"

Questa citazione è tratta da una raccolta di insegnamenti rabbinici[1] inseriti nel primo codice complessivo di norme, la Mishnah[2] , redatta in forma scritta nel III secolo su una base orale precedente (.)

L'insegnamento citato è a nome di Hillel, un maestro vissuto a cavallo tra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C., figura centrale della tradizione rabbinica e riferimento normativo di prima grandezza. Era noto per la sua tolleranza e per la sua disponibilità, testimoniate da diversi episodi riportati dalla letteratura talmudica.

Il suo insegnamento pare di grande interesse anche per noi, oggi, perché parla ad ogni individuo, ad ogni io, e propone alcuni sintetici suggerimenti per la costruzione dell'identità.

La affermazione di partenza è un invito a concentrarsi su se stessi: se non ci si cura, se non ci si costruisce come io, nessun altro potrà svolgere fino in fondo questo compito.

Il primo movimento dell'uomo sembra dover essere centripeto ["verso il centro" n.d.r.] : bisogna scendere nel profondo del proprio sé per potersi strutturare.

Interessante è tenere presente che in ebraico il verbo essere al presente non esiste, e che per esprimerne il concetto è necessario il ricorso al dativo di possesso; la frase, dunque, dovrebbe essere resa, letteralmente, "Se io non ho me stesso, chi ha me stesso?" che, pare, nasconde il pericolo di fondo di chi non è/ha un io solido: diventare preda di altri io.

Se la concentrazione sul sé è di prima importanza, non è però sufficiente; è possibile dire che chi si ferma a questo ha compiuto molto meno della metà dell'opera.

E' necessario passare alla dimensione relazionale, pena restare cosa invece che persona.

Anche in questo caso è d'aiuto il ricorso all'ebraico: "solamente per me stesso" è espresso da un termine la cui radice contiene anche il significato di "osso". Chi è in relazione esclusivamente con il suo sé, è in relazione con la parte più "secca", anche se importante, dell'essere: ecco perché rischia la reificazione. [3]

Ed infine: questi due momenti/movimenti, verso l'interno e verso l'esterno, in direzione di sé e degli altri, non possono essere rinviati ad altro tempo, perché altro tempo non c'è. Per Hillel questi sono i compiti primari dell'uomo: sapere chi è, e collocarsi all'interno di una rete di relazioni. (Benedetto Carucci Viterbi - Rabbino)


 

[1] Rabbino Titolo onorifico dei maestri ebrei della Legge. Il termine, usato ai tempi di Gesù, al quale alcuni si rivolgevano con questo titolo, si diffuse nel I secolo dopo le dispute tra le scuole del rabbino e scriba ebreo Shammai, e del rabbino e maestro ebreo Hillel. Il titolo è ancora utilizzato, anche se non in senso stretto, come designazione ufficiale dei ministri ebrei. (Enc, Encarta)

[2] Mishnah Prima parte del Talmud, codificazione della legge orale dell'Antico Testamento, che viene inclusa tra le leggi politiche e civili degli ebrei. La Mishnah fu codificata nell'ultimo quarto del II secolo o nel primo quarto del III secolo d.C. da rabbi Giuda (135 ca. - 220 ca.), detto anche ha-Kadosh (ebraico, "il santo") o ha-Nasi (ebraico, "il principe" o "il patriarca"), ma noto generalmente ai devoti ebrei come rabbi. Nella sua redazione definitiva essa rappresenta l'evoluzione, durata diversi secoli, di raccolte precedenti, di cui la prima fu quella degli allievi di Shammai e di Hillel, un antenato di rabbi Giuda. Scritta in ebraico, contiene molti termini in greco e aramaico ed è divisa in sei sezioni, ciascuna delle quali suddivisa in trattati e capitoli. La Mishnah è seguita da un elaborato commentario, la Gemarah, seconda parte del Talmud. (Enc. Incarta)

[3] Reificazione: 1. Processo mentale per cui ciò che ha soltanto esistenza astratta, si converte in qualche cosa di concreto, o si viene a considerare tale : r. di un concetto. (Treccani)

Ultimi Articoli

212) ASINA E PULEDRINA

08 Dic 2021 Immagini & Parole

In aperta campagna sotto un albero vicino la strada ho visto un’asina con la sua puledrina e mi sono fermato. Il loro sguardo dolce. Ho percepito quella serena intimità. Quante cose belle non vediamo più nella fretta del nostro...

297) ESITAZIONE

08 Dic 2021 Immagini & Parole

Le altezze e le profondità a volte stancano. A volte, la sera esige il suo riposo e il mattino la sua spensieratezza.   Con sollievo si sfiorano i contorni noti; con stupore si accettano i minuti e le ore di un giorno...

511) IL SIGNORE PUO' PERDONARE UN PECCATO CHE SI RIPETE?

05 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Il Signore può continuare a perdonare un peccato ripetuto? RISPOSTA: Il Signore legge i cuori (1), ovverosia conosce le intenzioni del tuo cuore quando, nella tua riservatezza, va a confessarti davanti a Lui (2). Questo...

15) IL PASTORE DA SOLO NON BASTA

04 Dic 2021 Le nostre comunità

Evitare gli accentramenti delle attività - far crescere i fedeli - la chiave è "servire" Nella maggioranza delle chiese evangeliche  la figura del pastore ha assunto dei contorni simili a quelli del prete cattolico e questo, a nostro...

119) NON AVRAI ALTRO DIO... UNA BREVE RIFLESSIONE PSICOLOGICA DAL PRIMO COMANDAMENTO - GLI ATTACCAMENTI

03 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

[IMMAGINE:L'aspirazione del vitello d'oro. Opera di Marc Chagall]  Siamo esseri umani e come tali terreni, ma sempre un po' a metà tra terra e cielo, tra ragione e sentimento, tra razionalità ed emozioni. Ci attacchiamo alle persone,...

510) NELLA SITUAZIONE PRESENTE NON PERDIAMO DI VISTA IL PROGETTO DI DIO

03 Dic 2021 Posta PIC

DOMANDA: Ciao Renzo...io credo che in questo periodo la scienza cerca di imporsi come una nuova religione e i virologi e affini sono i sommi sacerdoti e si servono delle leggi emanati dai politici per porre il loro sistema terapeutico......

45) DAL SENSO DI COLPA ALLE LIBERE SCELTE RESPONSABILI

01 Dic 2021 Note pratiche di Psicologia

Il senso di colpa nasce dalla sensazione di aver commesso qualcosa di male, di dannoso o criticabile da altri. Ci tengo a sottolineare subito un aspetto. Quando la colpa è oggettiva, reale, quando effettivamente e razionalmente posso...

14) SALMO 93 – POTENZA E MAESTA’ DEL REGNO DI DIO

30 Nov 2021 Audio

Sal 93:1 L'Eterno regna; egli si è rivestito di maestà; l'Eterno si è ammantato, si è cinto di forza. Sì, il mondo è stabile, non sarà mai smosso. 2 Il tuo trono è saldo da sempre; tu sei da sempre. 3 I fiumi hanno elevato, o Eterno, i...

272) RIDIMENSIONIAMOCI - Non abbiamo trovato nulla da soli, siamo stati inseriti da Dio in un progetto già esistente

29 Nov 2021 Brevi Studi

Ricordiamoci sempre che l’uomo, nonostante si creda sapiente, conosce molto poco di se stesso e dell’universo.(1)   Di Dio poi sappiamo  poco o niente. Questo per dire che dovremmo partire con modestia in ogni tipo di ricerca, sia essa...

509) GERUSALEMME CELESTE DIMENSIONI E RAGIONAMENTI

28 Nov 2021 Posta PIC

DOMANDA: ma il cubo e' 2200 chilometri di lato ? [ dopo aver visto il video 113 APOCALISSE P. 46 - CAP. 21:10-21 - GERUSALEMME CELESTE NEL DETTAGLIO - SIMBOLOGIA FORMA CUBICA, in   https://youtu.be/Y-w8UMDWIiI  ] RISPOSTA: Sono andato a...

282) GERMOGLI DI MENTUCCIA

27 Nov 2021 Riflessioni in Pillole

[scritto del marzo 2013] Per una fastidiosa influenza sono stato a casa una decina di giorni lasciando questo studio vuoto perché si trova in un luogo distante. Avevo fatto un salto, tempo fa, solo per innaffiare e mettere fuori dalla...

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.