La promessa del Signore

La promessa del Signore

« E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi » (Giovanni 14:3)
donna inginocchiata davanti a Gesù

Definizione: Non tenere in considerazione il male ricevuto da altri, rinunciando a propositi di vendetta, alla punizione, a qualsiasi possibile rivalsa, e annullando in sé ogni risentimento verso l’autore dell’offesa o del danno (Treccani)

Perdonando si vive meglio. Infatti annullando la tensione, il legame esclusivo che lega offeso ad offensore, si prova una sensazione di sollievo. Questo atto, producendo una diminuzione di amarezza e risentimento, ha un effetto purificatorio, di liberazione, perché è capace di eliminare o attenuare i sentimenti di rabbia, di vendetta, di vergogna e di risentimento, liberando delle energie, che possono essere dunque meglio spese su altri fronti.

Il perdono non è certo debolezza, ma richiede un grande sforzo emotivo ed intellettuale e molto coraggio. L'atto del perdonare è l'ultima fase di un lungo processo in cui sono coinvolti tutti i sistemi: percezione e ragionamento, emozione, comportamento. Chi perdona non è che non sappia assumersi la responsabilità di punire o correggere, oppure desideri solo dimenticare, al contrario, pur mantenendone il ricordo, chi perdona fa in modo che questo ricordo, non provochi più dolore. Perdono e dimenticanza sono due cose distinte.  

Il perdono è la liberazione da un nemico interno, costituito dall’odio, (di cui già abbiamo parlato). 

Non necessariamente il perdono implica la riconciliazione. Uno può perdonare ma allo stesso tempo scegliere di non vedere più l'offensore.

Al contrario la riconciliazione non può essere vera se prima non c'è stato il perdono.

Dal punto di vista etimologico perdonare significa concedere un dono: è così in tutte le lingue, dall’inglese ‘forgive’ al francese ‘pardonner’ ed al tedesco ‘vergeben’.

Il desiderio di giustizia potrebbe essere una razionalizzazione, un modo per canalizzare le proprie emozioni verso consolazioni più socialmente accettate, ma esso non implica automaticamente il perdono.

Per perdonare occorre sapersi mettere nei panni dell’offensore, cercando di vivere e reinterpretare la realtà guardandola da un’altra prospettiva, giustificando e comprendendo quelle che possono essere state le motivazioni o le pulsioni delle quali possa essere stato, a sua volta, vittima chi ha offeso.

Del resto, cercare di comprendere è sicuramente necessario; tutti possono fare errori, avere colpe o essere causa di mancanze, può essere un fattore facilitante nella comunicazione.  

Ammettere i propri errori, se ce ne sono, può facilitare infatti l’ammissione del torto da parte dell’offensore e permettere all’offeso una meno traumatica concessione del perdono. Sicuramente questo è un buon punto di partenza per il rispetto reciproco.
 


 FONTE: Il contenuto dello scritto è stato liberamente sintetizzato dall'articolo “Il Perdono” della Dott.ssa G. Proietti in psicolinea.it del 2006 - www.psicolinea.it/g_t/il_perdono.htm  

Ultimi Articoli

IL RESPIRO DEL SIGNORE (riflessione audio su Matteo 14:23) - 49 AUD

03 Dic 2022 Audio

"Dopo aver congedato la folla, si ritirò in disparte sul monte a pregare. E, venuta la sera, se ne stava lassù tutto solo." (Matteo 14:23) Ogni giorno siamo abituati a fare freneticamente molte cose per poi accorgerci che abbiamo...

CHI È DIO? PERCHE' SI CHIAMA COSI'? - 1 POSTA

01 Dic 2022 Posta PIC

DOMANDA: “Chi è Dio? E come si chiama?”  RISPOSTA: Dio potrebbe essere definito come l’Essere Supremo. “Essere”, ovviamente, in quanto “esistente”, anche se non nel senso in cui “esistono” le cose. Infatti, l’esistenza di Dio si...

IL RAVVEDIMENTO E LA FEDE (riflessione su Matteo 17:17) - 790 ST

30 Nov 2022 Brevi Studi

Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando vi sopporterò? Portatelo qui da me». (N.R) E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando starò con voi? Fino a quando...

NOI EVANGELICI: TROPPE CHIACCHIERE E TROPPE CHIESE! – 6 RP

29 Nov 2022 Riflessioni in Pillole

A volte ci perdiamo nei grandi temi e dimentichiamo le basi. Gesù parlava ma prima “era”. Lo vuoi sapere il metodo migliore per evangelizzare? Le tue azioni! Dividi il tuo pane con chi non ce l’ha, preoccupati di chi ha bisogno, senza...

SALMO 75: DIO ABBASSA IL SUPERBO E INNALZA IL GIUSTO - 48 AUD

29 Nov 2022 Audio

1 Noi ti lodiamo, o Dio, ti lodiamo; quelli che invocano il tuo nome proclamano le tue meraviglie. 2 Quando verrà il tempo che avrò fissato, io giudicherò con giustizia. 3 Si agiti la terra con tutti i suoi abitanti, io ne rendo stabili...

CHI SI SALVEREBBE? - 35 IMM&PAR

27 Nov 2022 Immagini & Parole

Chi si salverebbe Signore senza di Te? Come troveremmo la via del cielo, nelle ombre terrene? Come scamperemmo agli affascinanti inganni di Lucifero, se tu, che sei Vita, non ci indicassi dov'è la morte? A.B. 

FEDE OPERANTE (riflessione audio su Giacomo 2:15-18) - 47 AUD

27 Nov 2022 Audio

"Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano, e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», ma non date loro le cose necessarie al corpo, a che cosa serve? Così è della fede; se non...

CHIAMATI AD ESSERE CRISTIANI RESPONSABILI – 60 ST

22 Nov 2022 Brevi Studi

Verrà il tempo, infatti, in cui non sopporteranno la sana dottrina ma, per prurito di udire, si accumuleranno maestri secondo le loro proprie voglie (2 Timoteo 4:3) Viviamo in un tempo in cui è ormai consuetudine vedere nascere nuove...

GIORNO DOPO GIORNO - 25 IMM&PAR

21 Nov 2022 Immagini & Parole

"Un giorno rivolge parole all'altro, una notte comunica conoscenza all'altra... non hanno favella ne parole; la loro voce non si ode; ma la loro armonia si diffonde per tutta la terra..." (Salmi 19:2-4)   E’ meraviglioso osservare...

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
Proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookie; altrimenti è possibile abbandonare il sito.