FEDE IN DIO SENZA APPARTENERE ALLE CHIESE - ANCHE GLI STUDIOSI SI ACCORGONO DI QUESTO NUOVO FENOMENO - ABBANDONO DELLE ISTITUZIONI ECCLESIASTICHE NON COSI' NEGATIVO COME POTREBBE SEMBRARE -  SUA DIFFUSIONE STATISTICA   =NUOVO MOVIMENTO CRISTIANO 2 - SPIEGAZIONE PIU’ ACCURATA -  di Renzo Ronca – 13-10-18 - parte 1=

 

 

 Negli ultimi 50 anni si sta evidenziando sempre di più tra i credenti cristiani, un fatto importante di cui ci rendiamo conto poco:  una diminuzione dei fedeli “istituzionalizzati”, e un aumento dei credenti “liberi” (cioè che pur mantenendo la fede, preferiscono restare fuori dalle istituzioni/denominazioni).   

 

Secondo l’autorevole CESNUR[1] “«Da molti anni diversi sociologi hanno concluso che in tutto l’Occidente la vera religione di maggioranza relativa è quella delle persone impegnate in un “credere senza appartenere”  […]  C’è una popolazione difficile da determinare nella sua esatta proporzione, ma che dovrebbe comprendere comunque oltre il 40% degli italiani, che dichiara di “credere”, ma nello stesso tempo di fatto non “appartiene” a una comunità religiosa nel senso pieno del termine, il che, per il cattolico, implicherebbe la pratica regolare. Naturalmente questa grande “religione” degli italiani non è omogenea. […] Questo fenomeno che la sociologa francese Danièle Hervieu-Léger chiama “disistituzionalizzazione” della religione appare come una delle caratteristiche salienti del sacro postmoderno.»

 

L'ABBANDONO DELLE ISTITUZIONI ECCLESIASTICHE NON E' COSI' NEGATIVO COME POTREBBE SEMBRARE

Vista l’entità e la rapida crescita di questo fenomeno complesso, cerchiamo di capirlo ed approfondirlo meglio perché era stato previsto dalle Sacre Scritture. Inoltre, da una certa prospettiva, l'abbandono delle istituzioni oggi non è così negativo come potrebbe sembrare; anzi potrebbe essere il contrario, cioè un bene:  visto come sono le istituzioni infatti, potrebbe rappresentare l'esigenza del credente di una maggiore serietà e spiritualità che non riesce più a trovare nelle chiese.

Per fare un esempio è un po' come nelle votazioni politiche: la gente che non va a votare è sempre di più; non perché ami il disordine o il qualunquismo, ma perché è una conseguenza della mala-politica; il cittadino non si ritrova più nei partiti per l'abbondanza della corruzione e delle parole vuote.

Riteniamo infatti che tale insoddisfazione religiosa -viste le condizioni di fede "ibrida" di molte istituzioni- possa essere anche  “supervisionata/usata” dallo Spirito Santo per purificare la fede di tutti noi, diventata ambigua e corrotta. Sarebbe come lasciar passare la chiesa al setaccio per togliere ogni estraneità  ed ottenere la purezza della fede in ciò che resta. Secondo quanto crediamo, questo "provare la chiesa" è perfettamente in linea con quanto sta per accadere, cioè  la preparazione della chiesa stessa affinché, una volta purificata, sia pronta per il rapimento e il ritorno del Signore Gesù.

 (continua)

 

[Per L’INTRODUZIONE a qs nuovo movimento  vedi il nostro: NUOVO MOVIMENTO CRISTIANO: UN RIMANENTE ESSENZIALE CHE “TRAPASSA” LE CHIESE INTRODUZIONE (PDF)]

 


 

[1] CESNUR (centro studi nuove religioni) http://www.cesnur.com/il-credere-senza-appartenere-e-la-rilevanza-del-pluralismo/  ;  ed inoltre: "Fedeli senza appartenenza" di Massimo Introvigne ("Il Sole - 24 ore", 10 ottobre 1999) in http://www.cesnur.org/testi/mi_sole24ore.htm

 

 

pag seguente  -  indice rifless. bibliche n. 2    -    Home

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica sono scritti NON PROFIT, senza fini di lucro, per il solo studio biblico personale di chiunque lo desideri - vedi AVVERTENZE