Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

  

IL "PADRE NOSTRO" - ISTRUZIONI DI GESU’ AI DISCEPOLI PER LA PREGHIERA - Parte 1 - A chi si rivolge Gesù - Inquadramento della Scrittura - di Renzo Ronca - 5-6-15 -h. 19,15 - (livello 2 su 5)

 

 

 

 

 

 

INTRODUZIONE: A CHI SI RIVOLGE GESU’ CON QUESTE ISTRUZIONI

 

A volte nelle riunioni interconfessionali vediamo brave persone di religioni diverse che, lungi dall’essere cristiane, recitano il “Padre nostro”. Non intendo criticare la loro buona intenzione, segno di buona volontà alla ricerca di un comune senso di unità (per lo più politica), ma rimane comunque una recita verbale per compiacenza. Vedremo più avanti il senso profondo di queste due parole “Padre” “nostro” che andrebbero usate con grande serietà.

Noi qui non tratteremo né l’evangelizzazione né l’ecumenismo di oggi (su cui nutriamo dei dubbi), ma l’istruzione del Signore nel discepolato, cioè a chi Lo segue.

Ripetendo il concetto in altre parole, tratteremo gli insegnamenti diretti di Gesù Cristo come Maestro nei confronti dei Suoi discepoli: agli apostoli prima e a noi oggi. Egli si riferisce cioè a persone che hanno già manifestato la loro professione di fede con decisione e consapevolezza; credenti che già Lo seguono e sono intenzionati a seguirLo sempre di più.

 

 

PARTE 1 – GESU’ INSEGNA CON GRANDE SAPIENZA – INQUADRAMENTO DELLA SCRITTURA CHE CI RIGUARDA

 

Un discepolo, probabilmente osservando che Gesù si isolava ogni tanto  per la preghiera, Gli chiese di insegnare loro a pregare:

“Gesù era stato in disparte a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli»”. (Luca 11:1)

 Il Signore Gesù -in Matteo 6:5-13- espone dei fondamenti importantissimi anche per noi oggi.

 

Per prima cosa  dice COME NON FARE: (Matt6:5, 7-8)

5 «Quando pregate, non siate come gli ipocriti; poiché essi amano pregare stando in piedi nelle sinagoghe e agli angoli delle piazze per essere visti dagli uomini. Io vi dico in verità che questo è il premio che ne hanno.

7 Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani, i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole

8 Non fate dunque come loro, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate

 

Poi chiarisce COME FARE (Matt 6:6):

6 Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta e, chiusa la porta, rivolgi la preghiera al Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa.

 

Quindi ci ammaestra su  COSA CHIEDERE (Matt 6:9-13):

9 Voi dunque pregate così: "Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome;

10 venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo, anche in terra.

11 Dacci oggi il nostro pane quotidiano;

12 rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori;

13 e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno."

 

 (continua)

 

 

 

 

Pag seguente  -    Indice rifless. bibliche    -   Home

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE