Bollettino libero cristiano evangelico  dell'Associazione ONLUS  "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

INFILTRAZIONI SATANICHE NEI  MOVIMENTI DI RISVEGLIO -riprendere il filo - lentezza a seguire lo Spirito santo

Da “Abbiate tra voi un medesimo sentimento” – n. 14

di Renzo Ronca - 27-10-11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riprendere il filo

Anche se tra una puntata e l’altra del nostro lungo ragionamento passano diversi giorni, spero che riusciremo  sempre a riprendere il filo. In caso di difficoltà ritornate indietro cliccando su “pagina precedente” fin quando necessario. Ad ogni modo tenete presente che alla fine di ogni studio articolato in più  puntate, pubblichiamo sempre un dossier che raccoglie tutto.

Il filo che stiamo seguendo è questo: sullo sfondo della ricerca dell’armonia dello Spirito Santo nelle “chiese di risveglio”,[1]

 

cerchiamo il comportamento migliore dei credenti e dei responsabili.

 

La vivacità dello Spirito Santo

La mia opinione è che la vivacità del movimento dello Spirito Santo[2]

stia aumentando in questi ultimi tempi, visto l’appressarsi del rapimento.[3]

 

Questo rapido trasformarsi dello Spirito Santo penso che stia sfuggendo alle chiese adagiate nelle loro sicurezze organizzative. Questa lentezza di percezione delle chiese fa si che l’imitazione di Satana, che ha osservato bene tutto quanto,[4]

 

possa "sorpassare" le chiese -rimaste ancora a discutere dei classici doni delle lingue- e possa infiltrarsi e farsi passare abbastanza facilmente per espressione divina.[5]

 

 

Motivazioni della lentezza

 

1) E’ tipica dell’uomo

La lentezza del nostro cuore a credere è tipica della natura di noi uomini,[6]

 

che sempre tendiamo a ragionare secondo ciò che appare; raramente riusciamo a farlo secondo le verità di Dio. Nel cammino spirituale personale di ciascuno, questa tendenza si combatte con una progressiva “santificazione-consacrazione”[7].

 

Questo cammino  che noi chiamiamo di “espansione spirituale”[8]

 

agisce prima nello spirito dell’uomo, poi nella mente, poi nel comportamento. Solo l’abbandono completo a Dio[9]

 

ci permetterà di sfruttare al massimo i nostri talenti. Ogni eccessivo ragionamento che tenda a schematizzare, regolarizzare, imbrigliare lo Spirito,  rallenterà il nostro discernimento e la fluidità dei doni dello Spirito stesso.

 

2) Può essere un mutazione necessaria

La lentezza di una comunità di risveglio può anche essere anche un passaggio da uno stato ad un altro, difficile ma positivo. Pensiamo alla “muta” di certi animali, per esempio i crostacei (aragoste, gamberi, scampi, ecc). Il loro guscio è rigido e l’animale crescendo non vi entra più; allora se non cambiasse guscio morirebbe. La “muta” è proprio questo sostituire il guscio protettivo vecchio con uno nuovo. Torniamo alle chiese di risveglio: se davvero queste seguono completamente lo Spirito Santo, ci sarà un aumento della  grazia di Dio (parliamo di qualità; non prendo in esame la quantità dei fedeli, che non è sempre indice di benedizione), ci sarà un accrescimento della Sua conoscenza, della Sua potenza e della percezione dei tempi terreni in vista del rapimento. I fedeli che in una chiesa recepiscono e fondano la loro vita cristiana su tutto questo, vengono costantemente “riempiti dello Spirito Santo”. I fedeli che invece si attardano a discutere sulle dimensioni e la classificazione dei doni e dei comportamenti di ciò che è acquisito, finiscono per rallentare la crescita, non sentono il bisogno di “cambiare guscio”. Non lo so se lo Spirito si ritira da loro, non lo credo, però certamente non li può più “riempire” in modo nuovo e più potente; se lo facesse, “scoppierebbero”.[10]

 

Si vengono a formare allora due tipi di fedeli: quelli “veloci” che non badano molto alla regolamentazione dei doni ma li vivono immediatamente e quelli più “lenti”, che preferiscono prima osservare, valutare, classificare, sperimentare i doni.

 

Eccessi e difetti

Chi è troppo veloce rischia facilmente di andare fuori strada, seguendo ispirazioni anche fantasiose.[11]

 

Chi è troppo lento rischia di amministrare una chiesa magari numerosa ed efficiente, ma spiritualmente vuota nel suo guscio.

 

Equilibrio

Dobbiamo essere rapidissimi nella ricerca della “pienezza dello Spirito”;[12]

 

essere invece equilibrati nello sperimentare i doni, soprattutto se nella comunità che si riunisce non ci sono i mezzi per individuare la loro veridicità.

“Pienezza dello Spirito” è secondo noi l’armonia di più doni, tutti insieme nella stessa comunità (non nella stessa provincia o nella stessa regione).

Doni indispensabili per i tempi in cui viviamo (e a maggior ragione per quelli che vivremo) riteniamo siano il  “discernimento degli spiriti” e quello di “profezia”.

 

(continua)

 

 Pag. precedente  -  Pag. successiva   -  Indice studi biblici  -  Home


 


[1]

Chiese di risveglio: intendo con questo termine tutte quelle denominazioni cristiane dal 1800 in poi che hanno contribuito al movimento di risveglio spirituale cristiano mondiale cercando di seguire la guida dello Spirito Santo.

[2]

L’argomento è stato da noi trattato molto ampiamente. Un aiuto potrebbe essere partire da questa pagina e poi all’occorrenza esplorare le altre: l viaggio dell’uomo e della Chiesa verso Dio-4 parte

[5]

Vedi n. 13 - SOLE FREDDO NELLE CHIESE

[6]

Luca 24: 25 Allora Gesù disse loro: -O insensati e lenti di cuore a credere a tutte le cose che i profeti hanno dette!-

[7]

Il significato di “santificazione” e “consacrazione” in senso biblico è diverso da quello inteso per es. dalla Chiesa Cattolica. “Santi” sono tutti i credenti. La consacrazione non richiese di prendere i voti ma è un profondo senso di donazione di se stessi a portata di chiunque (Rom 12:1-2).

[8]

Vedi come primo accenno: espansione spirituale ; questo tema è la base di tutto il nostro cammino ed è stato trattato in vari modi e a più livelli. Nel sito ci sono appunti di base (ES) che iniziano dal 1983 e maturano nel tempo. Da qualche anno, per orientarsi  è preferibile seguire gli argomenti che più interessano  in: Tutte le rubriche

[9]

L’abbandono completo a Dio, nel superamento dell’ego, lungi dall’essere passività, è la fluida attività della volontà nostra e dello spirito nostro in stretta relazione con lo Spirito di Dio. Questo abbandono a Dio è l’offerta completa e senza remore di noi stessi a Lui, ed è, secondo noi, il massimo livello di spiritualità cristiana.

[10]

Questo è uno dei motivi per cui tutti i movimenti di risveglio nello Spirito Santo, sia cattolici che evangelici, si dividono e si scompongono in continuazione.

[11]

Nelle chiese evangeliche vi sono moltissime comunità libere ed autonome. Qualcuna si è comportata come l’avanguardia di un’armata che per essersi spinta troppo avanti nel territorio nemico, ha perso i contatti col grosso dell’esercito da cui proviene e rischia un drammatico isolamento.

[12]

La rapidità (schema) è data dalla linea più breve del percorso della Chiesa, che è un movimento rettilineo (vedi figura in Viaggio dell’uomo e della Chiesa verso Dio n.14   e  IL VIAGGIO … n.24. La rapidità (tempi) è la necessità odierna di essere essenziali nel vivere Cristo, in vista del Suo ritorno. Questa essenzialità si attua con un immediato rapporto dell’anima con Dio (espansione spirituale) senza attardarsi troppo nelle disquisizioni dottrinali.

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE