ABBANDONARSI A DIO

di M.V. (24-1-15)- 17-5-18

 

 

 

 

 

Giovanni 19:30

Quando Ges¨ ebbe preso l'aceto, disse: ź╚ compiuto!╗ E, chinato il capo, rese lo spirito.

 

 

 

 

 

Domenica scorsa mia figlia di 6 anni sale, tramite una scala, su di un muretto e mi chiama: "PapÓ, papÓ ... prendimi che mi lancio dai".

Mi avvicino e apro le braccia dicendole: "dai amore lanciati!".

 

Lei Ŕ felice, emozionata ma esita a lanciarsi, lo vuole, fa come per andare ma poi si ferma.

Allora le dico: "ma non avrai paura che il papÓ non ti prenda?"

Lei mi fa: "No PapÓ io so che tu mi prendi, ma ho paura di non riuscire io a fare il salto giusto".

 

Poi prende coraggio, chiude gli occhi e si lancia e, arrivata tra le mie braccia, mi dice: hai visto papÓ che ce l'ho fatta!.

 

Riflettendoci poi ho capito l'origine della sua paura, non era la mancanza di fiducia in me come io pensavo, ma il pensiero di dover fare lei il salto giusto, come se dipendesse da lei, come se dovesse fare una certa parte del gesto, ed invece no, l'avrei presa comunque, bastava solo che si staccasse e si lasciasse andare come ha poi fatto.

 

Spesso non ci abbandoniamo nelle braccia del Signore non per mancanza di fede, ma perchÚ pensiamo di dover fare qualcosa noi per colmare una lontananza che di fatto non c'Ŕ, come se dipendesse da noi almeno in parte il meritare la salvezza, e ci irrigidiamo, abbiamo paura, non ci sentiamo ancora pronti e rimaniamo fermi.

 

Lasciamoci andare, a noi basta solo un atto di fede, tutto Ŕ stato giÓ compiuto.

 

 

 

Indice riflessioni in pillole   -   Home

 

per partecipare scrivi a mispic2@libero.it

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica sono scritti NON PROFIT, senza fini di lucro, per il solo studio biblico personale di chiunque lo desideri - vedi AVVERTENZE