IN BUONA COSCIENZA

-  Il primo requisito di una buona coscienza è la consapevolezza della sua limitatezza

 -di Stefania - (01/12/2014) - 27-12-17

 

 

 In psicologia, la coscienza è spesso descritta come una parte piuttosto piccola della nostra mente. Molti dei nostri pensieri e sentimenti sono infatti inconsci e soltanto con uno sforzo di consapevolezza riusciamo a portarli alla luce.

           

Anche dell'universo fuori di noi non possiamo che conoscere soltanto una piccola parte, e per quanto studiamo e analizziamo la realtà, ne avremo sempre e comunque una conoscenza limitata e parziale.

           

È come se procedessimo al buio con una torcia, e con essa, per quanto intensa possa essere la sua luce ed ampio il suo raggio, riusciamo ad illuminare solamente un ritaglio di ciò che sta dentro e fuori di noi.

           

L'errore che spessissimo facciamo però, è quello di credere che la verità stia nel raggio di luce che riusciamo a proiettare e ci dimentichiamo di quanto sia limitato. Facciamo come l'uomo che, perse le chiavi di casa, si ostina a cercarle soltanto sotto la luce di un lampione.

           

Sarebbe meglio e anche salutare ricordarci di questa nostra condizione, chiedere ad un amico di aiutarci a verificare ciò che a noi sembra di scorgere, approfondire la nostra conoscenza il più possibile e non parlare o agire in modo affrettato.

           

Per quanto buone possano essere le nostre intenzioni, il primo requisito di una buona coscienza è la consapevolezza della sua limitatezza.

           

In quanto cristiani poi, noi crediamo ad una promessa che ci è stata fatta: «Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita»(Giovanni 8:12). La Parola di Dio è paragonata ad una luce che illumina i nostri passi, e Gesù, Verbo fatto carne, ci porta quella luce, affinché, seguendolo, un giorno potremo essere come in pieno giorno.

 

 

 

Indice riflessioni in pillole   -   Home

Rendere partecipi gli altri delle proprie meditazioni sulla Parola del Signore è bene. Mandate gli scritti a mispic2@libero.it

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica sono scritti NON PROFIT, senza fini di lucro, per il solo studio biblico personale di chiunque lo desideri - vedi AVVERTENZE