Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

NON CI ABITUIAMO AL MARCIRE DEL MONDO, NOI SIAMO CRISTIANI

Renzo Ronca – 27-8-14-h.10,30 - (Livello 2 su 5)

 

La capacità di adattamento dell’uomo è una qualità utilissima per la sua sopravvivenza, ma è stata pensata da Dio soprattutto per condizioni climatiche o per la sopportazione di stati emotivi particolari.

Per quel che riguarda la moralità, la stabilità della fede, la continuità della speranza, non ci deve essere nessun indebolimento.

Noi siamo cristiani, non possiamo essere sprovveduti di fronte ai fatti che accadono; ci nutriamo della Scrittura evangelica, e sappiamo da questa che negli ultimi tempi vi sarà una corruzione estrema di cui non dobbiamo far parte:

1 Or sappi questo: negli ultimi giorni verranno tempi difficili; 2 perché gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, irreligiosi, 3 insensibili, sleali, calunniatori, intemperanti, spietati, senza amore per il bene, 4 traditori, sconsiderati, orgogliosi, amanti del piacere anziché di Dio, 5 aventi l'apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza. Anche da costoro allontànati! (2Timoteo 3:1-5)

Le classi dirigenti sono quasi tutte corrotte, le loro radici sono marce mentre ci mostrano facce sorridenti alla TV. Essi cercano la loro gloria personale mentre il mondo geme e si sta distruggendo. Stacchiamoci da questo intorpidimento mentale perché il mondo entra in disordini sempre più gravi di tutti i generi e dobbiamo essere ben svegli!

“Non conformatevi a questo sistema di cose” “non adattatevi alla mentalità di questo mondo” (Rom. 12:2). Non è il mondo che ci fa da riferimento perché esso si sta disfacendo; il nostro riferimento è Cristo che con le Sue promesse ci ha dato una grande speranza, quella del Suo ritorno per la nostra salvezza.

Restiamo fermi allora anche di fronte a cattive notizie. L’abitudine alle cattive notizie può rappresentare anche un meccanismo di difesa  naturale, ma col tempo può causarci dipendenza come gli psicofarmaci. Ricordiamoci che noi cristiani non seguiamo il nostro “uomo naturale” soprattutto quando questo si ripiega nel conformismo della dipendenza mediatica; noi cristiani seguiamo il crescere del nostro “uomo spirituale”, cioè la sicurezza della nostra salvezza all’arrivo del Signore. Vediamo di non distrarci.

 

 

Correlazioni

Culti come abitudine - Tradizione come verità acquisita - http://www.ilritorno.it/studi_bibl/315_tradizion-2.htm

Non ripiegarsi su se stessi -  imparare a combattere Satana - http://www.ilritorno.it/NO%20suic/17_ripiegarsi.htm

Speranza - sconosciuto sentimento di questa epoca - http://www.ilritorno.it/fare%20e%20pensare/Pensare/57_speranza-sconosc.htm

 

 

Indice riflessioni in pillole   -   Home

Rendere partecipi gli altri delle proprie meditazioni sulla Parola del Signore è bene. Mandate gli scritti a mispic2@libero.it

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE