Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

DISACCORDI FAMILIARI PER QUESTIONI DI FEDE

di Renzo Ronca - 1-6-13-h.10,15 - (Livello 1 su 5)

 

 

Sua madre e i suoi fratelli vennero a trovarlo; ma non potevano avvicinarlo a motivo della folla. Gli fu riferito: «Tua madre e i tuoi fratelli sono là fuori, e vogliono vederti». Ma egli rispose loro: «Mia madre e i miei fratelli sono quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica». (Luca 8:19-21)

 

 

Può capitare che la nostra famiglia carnale, pensando di fare bene, sia contraria al nostro cammino evangelico.

Gesù conosce bene questa situazione avendola provata. 

La famiglia umana tradizionale pensa a cosa potrebbe dire il mondo, pensa a cosa potrebbero dire “gli altri” e “si vergogna” di noi se non siamo in linea con loro e.

 

Il comportamento di Gesù è semplice: continua per la sua strada.

Non smette di volere loro bene e li accoglierà quando essi capiranno, ma intanto va avanti e continua per la sua strada.

 

Dobbiamo capire e far capire che le scelte di fede della nostra vita non sono “contro” quello o contro quell’altro; sono solo scelte  in cui noi crediamo. Riguardano noi e la nostra anima.

Se nascono divisioni in famiglia non cadiamo nell’errore di addossarci sensi di colpa inesistenti che qualcuno ci vuole addossare.

 

Ognuno nella fede deve essere libero. Libero di scegliere e di essere rispettato. Dunque non c’è da offendersi né da arrabbiarsi se abbiamo alle volte pensieri diversi. Ci si vuole bene lo stesso in famiglia, anche se uno fa una scelta diversa.

L’amore familiare senza il rispetto per le scelte degli altri sarebbe solo ipocrisia.

 

 

Correlazioni

“SIATE TUTTI CONCORDI” è sempre possibile? Chi è mia madre chi sono i miei fratelli?

 

 

 

Indice riflessioni in pillole   -   Home

Rendere partecipi gli altri delle proprie meditazioni sulla Parola del Signore è anche dividere il pane di Dio tra fratelli. Mandate pure gli scritti a mispic2@libero.it

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE