Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

La chiesa di Gesù Cristo fatta da pietre viventi

di Anna Cuomo - 2-11-12- (Livello 1 su 5)

[Nella foto alcuni esemplari di lithops. Si tratta di un genere di piante anche se sembrano pietre sono vive]

 

 

 

 

1Pietro 2:4 Accostandovi a lui, pietra vivente, rifiutata dagli uomini, ma davanti a Dio scelta e preziosa, 5 anche voi, come pietre viventi, siete edificati per formare una casa spirituale, un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali, graditi a Dio per mezzo di Gesù Cristo.

 

Dio ha guidato gli uomini attraverso i secoli, facendoli passare dal visibile all’invisibile, da ciò che è morto a ciò che è vivo, da ciò che è temporaneo a ciò che è eterno, affinché fossero preparati per gradi ad accogliere Gesù Cristo e la buona novella.

Anche noi quando accettiamo Gesù Cristo come personale salvatore iniziamo un percorso simile. Se riconosciamo Gesù Cristo come Signore nella nostra vita, e Lo seguiamo, veniamo man mano lavorati dallo Spirito Santo e modellati secondo la volontà del Signore per poter essere come pietre viventi.

Se per molti aspetti della vita spirituale in Cristo, si tratta soprattutto di ricevere, (http://www.ilritorno.it/rifl_pillole/245_ricevere.htm) per altri aspetti dobbiamo rispondere in modo più partecipe in quanto siamo chiamati a far parte del corpo di Cristo che è la chiesa invisibile, il tempio fatto da pietre vive e che si regge sulla pietra angolare, Gesù stesso. E dove ognuno ha il suo ruolo.

Diventare come pietre viventi per far parte dell’edificio spirituale, significa consacrare la propria vita al Signore. Questo non significa certo vivere come eremiti al di fuori del mondo. Significa essere nel mondo senza farsi possedere dal mondo e dalle sue cose passeggere o, peggio, dannose. Significa cercare di eliminare nella nostra vita tutto ciò che è tenebra e far posto alla luce divina in noi. Non ci vuole molto per comprendere che il mondo attuale va in rovina e con esso tutti quelli che vivono in modo disonesto, immorale, violento. Tutte queste cose portano alla morte spirituale definitiva perché creano una separazione da Dio.

Non possiamo pensare di trovare Dio dove Dio non si trova. Se ascoltiamo la Parola di Dio e ci lasciamo guidare dallo Spirito Santo impareremo anche a “vivere” nel quotidiano secondo la Sua Parola e, quindi, in comunione con il Signore e con gli altri fratelli e sorelle.

Alla scuola di Gesù si impara sempre e, anche quando sbagliamo, Lui ci corregge con amore e pazienza.

 

Indice riflessioni in pillole   -   Home

Rendere partecipi gli altri delle proprie meditazioni sulla Parola del Signore è anche dividere il pane di Dio tra fratelli. Mandate pure gli scritti a mispic2@libero.it

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE