Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

L’importanza di ricevere da Dio – sintonizziamoci con Gesù

 di Anna Cuomo - 28-10-12 - (Livello 2 su 5)

 

 

 

Nel Nuovo Testamento, ci sono dei versetti molto significativi in cui l’azione divina di per sé perfetta, diventa efficace (raggiunge cioè l’obiettivo voluto da Dio)  nel momento in cui i credenti si mettono nella condizione di “ricevere” da Dio.

 

Ma cosa significa ricevere? Ricevere significa accettare, accogliere qualcosa che ci viene dato e che è disponibile.

 

L’esempio più semplice nella vita di tutti i giorni si verifica quando noi riceviamo un dono da qualcuno. Nel momento in cui lo accettiamo, quel dono è nostro. Abbiamo qualche merito nell’accettare? No, però non siamo nemmeno passivi. In ogni caso, noi esseri umani siamo nella disposizione naturale a ricevere e siamo consapevoli quando stiamo prendendo qualcosa di buono, piccolo o grande che sia. Anche i bambini sin da piccoli sanno ricevere e istintivamente stendono la manina quando gli porgiamo qualcosa.

 

Un esempio un po’ più complicato, che ci fa capire il termine ricevere da un altro punto di vista, può essere fatto con la radio. Per poter sentire la radio, occorre che vi sia un’antenna che trasmette il segnale radio e un’antenna che riceve tale segnale. Uno dei requisiti è che l’antenna ricevente sia sintonizzabile sulle stesse frequenze dell’antenna trasmittente e che l’apparecchio ricevente, cioè l’apparecchio radio, sia acceso. Le frequenze sono dei segnali elettrici che “trasportano” l’audio e per ogni canale radio c’è una certa frequenza. L’antenna trasmittente funziona sempre, anche quando la radio è spenta ma solo quando questa è accesa noi possiamo “ricevere” il segnale e ascoltare i programmi.

 

Con Dio, succede un po’ lo stesso. Dio è sempre presente e disponibile ma non si può dire la stessa cosa di noi. La nostra mente e la nostra anima sono sempre prese da mille cose per cui non siamo in grado di captare e ascoltare la voce di Dio e così ci sembra che Il Signore sia lontano da noi e dalla nostra vita. Invece, è il nostro apparecchio ricevente, cioè la nostra anima, che non funziona. Inoltre, il nemico, satana, manda continuamente delle interferenze per “disturbare” la trasmissione della voce di Dio nella nostra vita.

 

Dio però ci è venuto incontro perché, attraverso Gesù, ci ha dato il più potente amplificatore esistente che, come un satellite orbitante, capta il segnale dell’antenna trasmittente (DIO), lo amplifica, eliminando o riducendo tutte interferenze, e lo trasmette all’antenna ricevente (noi). L’unica condizione è quella di sintonizzarci sulle stesse frequenze di Gesù,  innanzitutto ricevendo Gesù Cristo come nostro personale salvatore.

 

Nel momento in cui questo accade, con la fede e la nuova nascita, noi siamo in “sintonia” con  Dio e possiamo ricevere quelli che sono i più bei programmi della nostra vita e che sono stati preparati per noi: ricevere la parola, ricevere Gesù, ricevere la salvezza, ricevere lo spirito di adozione, ricevere le grazie, ricevere lo Spirito Santo, ricevere potenza, ricevere il Regno di Dio, ricevere la conoscenza della verità.

 

Dove "si trasmettono"? Dove si parla di questi programmi? Nel Nuovo Testamento. Lì potrai trovare questi e altri che Dio ha preparato per te e per tutti i credenti.

Ecco qualche esempio.

 

Marco 10:15

In verità io vi dico che chiunque non avrà ricevuto il regno di Dio come un bambino, non vi entrerà affatto.

Giovanni 1:12

ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome;

Giacomo 1:21

Perciò, deposta ogni impurità e residuo di malizia, ricevete con dolcezza la parola che è stata piantata in voi, e che può salvare le anime vostre.

 

 

 

 

 

 

 

 

Indice riflessioni in pillole   -   Home

Rendere partecipi gli altri delle proprie meditazioni sulla Parola del Signore è anche dividere il pane di Dio tra fratelli. Mandate pure gli scritti a mispic2@libero.it

 

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE