Bollettino libero cristiano evangelico  dell'Associazione ONLUS  "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

COME RICONOSCERE DIO NELLE MIE VIE? NON DEVO CONFIDARE IN ME STESSO?

(Anna Cuomo 14-8-09)

 

Gino ci ha chiesto: Ho letto un passo del libro dei Proverbi ed esattamente; il capitolo 3:5-6 che dice: "Confida nell'Eterno con tutto il tuo cuore e non appoggiarti sul tuo intendimento, riconoscilo in tutte le tue vie ed Egli  raddrizzerà i tuoi sentieri". Come faccio a riconoscerlo in tutte le mie vie?  E poi non devo confidare in me stesso?

 

Risponde Anna Cuomo:  A me sembra un'unica domanda. Confidare nell'Eterno è un imperativo per l'uomo che ha fede in Dio. Non ci sono alternative. Nel momento in cui confidiamo in Dio, lo riconosceremo in tutte le nostre vie, perché non ci sarà nessuna via in cui Dio non sarà presente. Anche in quelle vie in cui apparentemente non sembra esserci spazio per Dio. Quando siamo nel dolore e nella gioia, nella solitudine o nella consolazione, nella malattia o nella salute. E' un po' come considerare ogni aspetto della nostra vita come una manifestazione della volontà di Dio, nel momento in cui diciamo con fede: "sia fatta la Tua volontà e non la mia".

Se confidassimo nelle nostre forze ed in noi stessi saremmo molto limitati e, soprattutto, non saremmo in grado di  dare nessuna risposta in tutte quelle situazioni per le quali la ragione umana rimane in silenzio.  E' ovvio che la nostra umanità ci rende deboli e non sempre è facile mettere in pratica ciò che dice in Proverbi.

L'opera di Dio si renderà manifesta nel raddrizzare le nostre vie anche quando dritte non sono.

 

 

Indice posta -   Home  

-per porre domande o dare risposte vedi il ns questionario - o il forum oppure scrivere a email: mispic@email.it -

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE