Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

 

QUANDO UN CREDENTE MUORE RAGGIUNGE LA PERFEZIONE? - di Renzo Ronca - (7-3-15) - 15-10-17

 

DOMANDA 

Quando un credere muore, non raggiunge la perfezione vero? E' al ritorno di Gesu' che diventa perfetto? Ho un poco di confusione

 

RISPOSTA

 

Premessa: Su questi argomenti le chiese cristiane purtroppo sono sempre in disaccordo. Noi –senza la pretesa di essere perfetti- abbiamo scelto l’interpretazione che, secondo coscienza,  ci sembra più attinente alla Bibbia e presentiamo uno schema che ha realizzato lo studioso prof. Roberto Sargentini.

Prendi allora questo schema senza preoccuparti se è complicato, ora lo vediamo insieme: (E' riportato in piccolo, lo schema in originale è in:  http://www.ilritorno.it/ULTIMI-TEMPI/SCHEMA%20DELLO%20SHEOL.pdf )

 

 

 

Come puoi osservare abbiamo due riquadri: quello piccolo in alto, che è la dimora di Dio, che chiamiamo “Paradiso superiore”; poi c’è l’altro riquadro centrale, più grande, che chiamiamo “Sheol” o “Soggiorno dei morti”. Per rispondere alla tu domanda concentriamoci su questo “soggiorno dei morti” e vediamolo meglio:

 

TUTTI I MORTI SONO ADESSO  NEL SOGGIORNO DEI MORTI

Tutti i morti (buoni e cattivi) da Adamo fino ai giorni nostri si trovano nel “soggiorno dei morti” o “Sheol”. In questo luogo PROVVISORIO ci sono tutti: buoni e cattivi già morti. Essi sono come in uno stato di sonno, non hanno coscienza di sé e non possono parlare tra loro né con noi. Però come vedi dallo schema, dentro lo Sheol, le anime dei salvati non sono mescolate insieme con le anime dei malvagi, ma sono in due spazi distinti: le anime dei salvati sono in uno spazio che chiamiamo “Paradiso inferiore” e le anime dei malvagi sono in uno spazio apposito per loro (quello che comunemente chiamiamo “inferno”). Sia il paradiso inferiore che il luogo del soggiorno dei malvagi sono contenuti dentro lo Sheol.

 

I morti che Dio ha considerato giusti:

Quando Gesù rapirà la Sua Chiesa (cioè tutti i credenti giusti da Adamo fino ad oggi) allora per prima cosa i morti considerati giusti da Dio risorgeranno e diverranno perfetti, con il corpo della resurrezione, come quello di Gesù, e passeranno dal “paradiso inferiore” al “paradiso superiore”. Questi risorti saranno perfetti, eterni, non moriranno più, non saranno più sottoposti a nessun giudizio.

 

I morti malvagi

Gli altri morti da Adamo fino ad oggi che Dio non avrà considerati giusti, non risorgeranno durante il rapimento della Chiesa, ma resteranno nel soggiorno dei morti fino al giudizio universale, che avverrà nel suo tempo, dopo il millennio.

 

QUELLI GIUSTI TROVATI VIVI AL MOMENTO DEL RAPIMENTO

Quelli salvati trovati vivi, cioè ritenuti “giusti” dal Signore saranno “trasformati in un attimo” e senza passare attraverso la morte, avranno subito un corpo perfetto come quello di Gesù risorto; poi insieme ai morti considerati giusti dal Signore (che abbiamo visto prima), saliranno al Paradiso superiore, ovvero alla dimora dell’Eterno.

 

QUELLI MALVAGI TROVATI VIVI AL MOMENTO DEL RAPIMENTO

Ovviamente i malvagi trovati vivi non saranno rapiti e resteranno sulla terra, dove incombono le piaghe e vivranno un difficilissimo periodo di tribolazione. Tuttavia potranno ancora pentirsi, anche se sarà molto più difficile.

 

Queste frasi possono essere utili per confermare quanto detto:

 

1 Cor. 15:50 Ora io dico questo, fratelli, che carne e sangue non possono ereditare il regno di Dio; né i corpi che si decompongono possono ereditare l'incorruttibilità. 51 Ecco, io vi dico un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo trasformati, 52 in un momento, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati.

 

 

1 Tessal. 4:13 Fratelli, non vogliamo che siate nell'ignoranza riguardo a quelli che dormono, [=a quelli che sono morti] affinché non siate tristi come gli altri che non hanno speranza. 14 Infatti, se crediamo che Gesù morì e risuscitò, crediamo pure che Dio, per mezzo di Gesù, ricondurrà con lui quelli che si sono addormentati. 15 Poiché questo vi diciamo mediante la parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati; 16 perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; 17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre con il Signore. 18 Consolatevi dunque gli uni gli altri con queste parole.

 

 

Indice posta -   Home  - (puoi scrivere a mispic2@libero.it  )

 

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica sono scritti NON PROFIT, senza fini di lucro, per il solo studio biblico personale di chiunque lo desideri - vedi AVVERTENZE