Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

COME SI ARRIVA A DECIDERE DI ACCETTARE L'IDEA DI DIO IN UN MONDO FATTO SOLTANTO DI MATERIALISMO E CONCRETEZZE? - di Renzo Ronca - 30-1-15-h.17,30 (Livello 3 su 5)

 

 

 

E’ un bel quesito, anche se formulato mettendosi dalla parte di chi non conosce il Signore (altrimenti non si parlerebbe di “idea di Dio” da accettare o meno, ma di "Persona-Dio" da conoscere oppure no).

 

Prima di rispondere è necessaria qualche puntualizzazione:

 

 

PRIMO PUNTO: CHI PARLA DELLA FEDE

E’ molto importante stabilire prima CHI è che cerca di trasmettere la fede ad un’altra persona, perché se vogliamo essere credibili dobbiamo tenere conto che noi possiamo trasmettere solo ciò che abbiamo già sperimentato ed inglobato.

Molte brave persone  pur definendosi credenti, hanno diversi tipi di fede; ad esempio:

1) fede per tradizione, devozione, perché “si è sempre fatto così”;

2) fede che deriva dall’ascolto regolare delle Scritture: “La fede dunque viene dall'udire, e l'udire viene dalla parola di Dio” (Romani 10:17);

3) fede per rivelazione da parte di Dio stesso: “Vi dichiaro, fratelli, che il vangelo da me annunciato non è opera d'uomo; perché io stesso non l'ho ricevuto né l'ho imparato da un uomo, ma l'ho ricevuto per rivelazione di Gesù Cristo” (Gal 1:11-12)

 

E’ evidente che, per quanto dicevamo prima e cioè che “noi possiamo trasmettere solo ciò che abbiamo” (come nel principio dei vasi comunicanti), allora i nostri contenuti le nostre consapevolezze di fede, possono essere alquanto diversi; per cui è diverso anche ciò che trasmettiamo.

 

SECONDO PUNTO: A CHI PARLIAMO DI FEDE

Il nostro atteggiamento, la scelta delle parole e degli esempi, il livello più o meno elevato dei discorsi, il grado di insistenza o tolleranza ecc. saranno diversi ovviamente in base a chi ci troviamo davanti. Non c’è mai una regola standard che vada bene per tutti; tuttavia siccome sarebbe impossibile fare qui una casistica, ci limiteremo a delle considerazioni generali suggerite dalla Bibbia. E’ previsto infatti che i comportamenti degli uomini cambino in peggio fino ad arrivare a una grande corruzione: “1 Or sappi questo: negli ultimi giorni verranno tempi difficili; 2 perché gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, irreligiosi, 3 insensibili, sleali, calunniatori, intemperanti, spietati, senza amore per il bene, 4 traditori, sconsiderati, orgogliosi, amanti del piacere anziché di Dio, 5 aventi l'apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza…..” (2Timoteo 3:1-5). Leggiamo questo elenco di aggettivi molto lentamente, soffermandoci un momento su ognuno. Ebbene, non trovate che l’apostolo stia descrivendo bene il nostro tempo? Questo ci serve per essere consapevoli che parlare di fede oggi è molto più difficile di ieri e che domani sarà ancora peggio.

 

 

Dopo queste lunghe ma necessarie puntualizzazioni, arriviamo alla domanda in questione:

“Come si arriva a decidere di accettare l'idea di Dio in un mondo fatto soltanto di materialismo e concretezze?”

  

In linea di massima secondo me non ci si arriva se non si è già in qualche modo attratti da Dio stesso (precedente punto 3). Ritengo che chi accetta Dio lo fa perché è stato da Lui “preparato”. Egli “accetta” un Signore vivo che si è già “proposto”. Questo affacciarsi del Signore, questo bussare alla nostra porta, questa preparazione, avviene in molteplici modi (anche per mezzo di altre persone), ad opera di un Regista che è lo Spirito Santo. Lo Sp Santo per gran parte della ns vita ci pungola ci spinge ci strattona ci attrae ci corregge…  

 

Ma qualora decidessimo CONSAPEVOLMENTE di chiuderci a qs ripetuti richiami, non ci sarebbe più nulla da fare. Questo sarebbe l’unico peccato “imperdonabile” nel senso che lo stesso Spirito Santo sarebbe come volutamente soffocato. Così come una persona che ama e che invece è stata abbandonata ti chiama una due tre… cento volte, poi alla fine si rassegna e tristemente ti lascia andare liberamente al tuo destino. La libertà di morire in qs caso perché senza il perdono di Dio per mezzo del Cristo (parlo per i credenti) non ci sarebbe la grazia della salvezza per fede.

  “A chiunque parli contro il Figlio dell'uomo, sarà perdonato; ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro. (Matteo 12:32; anche Lc 12:10).

 

Tuttavia non tutti sono così anti-Dio. Molti accettano delle possibilità e sperimentano la fede a livelli più o meno profondi. In questo caso, accettare qs possibilità, cioè dell’esistenza di Dio, permette loro di mettersi in sintonia con lo S Santo che sempre è un ponte tra noi e Lui e manda degli input di vario genere. Se questi vengono onestamente sperimentati ecco che qualcosa di noi si risveglia ed inizia una profonda opera (in parte inconscia) che ci porta a ri-conoscere l’Eterno come Essere che si relazione con noi direttamente, uno per uno.

Tutto questo però, come già detto prima , è una rivelazione di Dio stesso, che può servirsi di tanti modi per mostrarsi, anche di persone; ma il Signore non dipende dalla persona bensì da quello che Lui ha già immesso in quella persona e che quella persona mostra in se stessa. Non ci sono ragionamenti umani che ci fanno sperimentare Dio, ma solo la Sua essenza diretta che entra in contatto con la nostra. Possiamo chiamare "Amore" che a noi arriva  e che, se ricambiamo, ci fa rinascere e ci trasforma.

A questo punto poi, il mondo può essere come gli pare. Infatti un’anima che è conosciuta dal Signore e che corrisponde a qs Suo dolce interesse, si comporta come un giovane innamorato per il quale il mondo è relativo, infatti gli interessa solo lei, la sua innamorata.

 

“ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio, a quelli cioè che credono nel suo nome, i quali non sono nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d'uomo, ma sono nati da Dio” (Giov 1:12-13)

 

 

Indice posta -   Home  - (puoi scrivere a mispic2@libero.it  )

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE