Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

Il paradiso è popolato di santi oppure è vuoto in attesa del ritorno di Gesù? COME E' IL REGNO DEI CIELI?

"..Il regno dei cieli non è altro che l'insieme dei pianeti abitati dell'universo dove abitano le creature che non hanno peccato.."

di R. Ronca  - con nota del prof. R. Sargentini - (3-5-12) - 13-9-13 - H. 11,15 - (Livello 3 su 5)

 

 

DOMANDA: La Pace del Signore Gesù. Buona sera avrei una domanda...sono un po confuso. In questo momento, il Paradiso (terzo cielo) è popolato dai santi come il ladrone ravveduto...oppure è vuoto in attesa del ritorno del Signore?

RISPOSTA: Pace a te. E’ più che normale caro lettore avere dei dubbi sull’al di là. Chi può essere veramente sicuro di come stanno davvero le cose? Le chiese cristiane hanno opinioni e dottrine differenti che spesso confondono ancora di più.

Per avvicinarci alla verità cristiana ritengo che dovremmo attenerci il più fedelmente possibile allo studio della Bibbia con molta modestia senza fanatismi e vedere la questione in quell’ottica tralasciando gli altri scritti.

Nel ns sito mettemmo un schema tempo addietro, ideato conformemente alle Scritture dal prof R. Sargentini, che potrebbe essere un buon punto di partenza; puoi aprirlo:

SCHEMA DELLO SHEOL  (oppure, se si legge male, ecco la versione in pdf: SCHEMA DELLO SHEOL pdf)

Puoi stamparlo o tenerlo in vista mentre ci ragioniamo:

Come vedi abbiamo due rettangoli, due spazi: quello in alto “Paradiso superiore –dimora eterna di Dio” e lo spazio sotto lo “Sheol – soggiorno dei morti”.

Quando una persona muore, se considerata giusta da Dio (cioè giustificata, redenta, salvata), va in un luogo provvisorio il “paradiso inferiore”, la dimora provvisoria delle anime dei salvati.

Se invece la persona che muore non è considerata giusta davanti a Dio, va in un altro luogo comunemente detto inferno, ma che è invece la dimora provvisoria delle anime dei malvagi.

Attualmente dunque abbiamo nel paradiso inferiore tutte le anime considerate giuste di chi è morto dalla creazione ad oggi, mentre nel paradiso superiore, accanto a Dio, a parte Gesù, a quanto possiamo sapere non ci sono uomini  [a parte Elia, Enoc e Mosè - vedi aggiornamento nella nota aggiunta in fondo]. Il buon ladrone si trova anche lui nel paradiso inferiore, luogo dove lo stesso Gesù è passato prima di salire al Padre.

All’atto del rapimento della Chiesa (che noi cristiani aspettiamo) Gesù porterà le anime dei giusti nella “casa” che avrà preparato presso il Padre (assieme ai giusti viventi sulla terra al monto del rapimento che saranno trasformati in un attimo ed anche loro saranno portati presso il Padre). Quindi il paradiso inferiore si svuoterà e tutti i giusti transiteranno nel paradiso superiore dove è anche l’Eterno.

Le anime dei malvagi nella “voragine” vi resteranno fino a che, dopo il millennio, vi sarà l’ultimo atto di giustizia di Dio, il giudizio finale. A seguito di qs giudizio finale saranno gettati con Satana (e la morte stessa) nell’abisso, luogo che sta a simboleggiare la massima lontananza da Dio, in un progressivo lunghissimo disfacimento fino a scomparire del tutto.

Da come penso io per rispondere alla tua domanda "attualmente il paradiso è vuoto o pieno", evitando le diatribe dottrinali tra chiese, dobbiamo vedere a quale "paradiso" ci riferiamo, se quello inferiore o quello superiore.

Invece per capire il “terzo cielo”[1]

bisogna entrare nel modo di ragionare dei giudei al tempo di Paolo: essi credevano in tre “sfere di cieli”: il primo  era quello della terra in cui viviamo; il secondo quello dove sono la luna il sole e le stelle; il terzo dov’è Dio. Ora l’apostolo dice che fu rapito fino al terzo cielo,  ma non sa dire se fu con il corpo o fuori del corpo.

Su questa testimonianza di Paolo e sulla base di altri rapimenti mistici di questo genere di cui siamo a conoscenza, possiamo ipotizzare che il Signore Gesù anche se si trova nel paradiso superiore, può mostrarsi a chi vuole e come vuole. Facendo fede a quanto dice Paolo (perché non dovremmo?) il Signore può anche attrarre e rapire momentaneamente l’anima di qualcuno in qs paradiso. Come ciò avvenga o sia avvenuto non lo sappiamo (se sia fuori o dentro al corpo), così come non lo sapeva Paolo, però sappiamo che è avvenuto e che potrebbe avvenire.

Questi schemi e questi ragionamenti sono ovviamente il nostro limitato modo di capire cose molto più grandi di noi basandoci sulla Bibbia. Dobbiamo dunque tener conto che quando la nostra mente si aprirà capiremo in modo più chiaro come stanno le cose.

 

NOTA aggiunta DEL PROF ROBERTO SARGENTINI del 5-4-12

"il paradiso inferiore non è vuoto ma è la casa delle anime dei giusti le quali non sono incoscienti, ma coscienti sia di se stesse che di ciò che le circonda. Basta leggere Luca 16:19-31, 2 Cor. 5:6-8 per esserne certi.

 

Enoc, Elia sono stati portati in cielo da vivi, Mosè è stato risuscitato e portato in cielo. Il suo corpo fu disputato tra l'angelo Michael e Satana, con la vittoria dell'angelo di Dio (Giuda 9). IL fatto che apparve a Gesù con Elia è la prova che è vivo. Infatti come è detto in Luca 16:30,31 i morti possono apparire ai vivi solo se risuscitano. Quindi Enoc, Elia e Mosè sono nel regno dei cieli.

 

Il regno dei cieli non è altro che l'insieme dei pianeti abitati dell'universo dove abitano le creature che non hanno peccato.

 

E' significativo che quando la bibbia dice che Dio regna nei secoli dei secoli, l'ebraico usa un termine "olam olam" che può essere tradotto "di pianeta in pianeta" (olam significa mondo, pianeta), volendo indicare che l'autorità si estende non solo nel tempo per l'eternità, ma anche su tutto l'universo e i mondi creati.

 


[1]

Conosco un uomo in Cristo che quattordici anni fa (se fu con il corpo non so, se fu senza il corpo non so, Dio lo sa), fu rapito fino al terzo cielo. 2Corinzi 12:2

 

 Indice posta -   Home  

 

Chiunque può scriverci alla mail: mispic2@libero.it

 

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE