Bollettino libero cristiano evangelico  dell'Associazione ONLUS  "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

“A VOLTE GLI SPIRITI DICONO LA VERITÀ… COME È POSSIBILE?”

Attenzione a come ascoltiamo: Satana e i suoi agenti usano una parte della verità per rendere più credibile l’inganno

 

di Renzo Ronca - 14-7-11

 

 

 

 

Dobbiamo stare attenti e capire bene: Gesù molte volte parla di Sé come unica “Verità”. Dunque non ce ne sono altre. Satana e tutti gli spiriti a lui riconducibili non dicono mai la verità, ma usano una parte di verità affinché l’inganno sia credibile. Satana purtroppo è un abilissimo ingannatore che con sofisticati ragionamenti e suggestioni, prova a manipolare la nostra mente, al fine ultimo di ucciderci, togliendoci la Vita che è Cristo Gesù. Ma ci riesce solo con chi non ha fede, ed è proprio per queste anime ingannate che dobbiamo pregare e combattere, noi che per grazia di Dio abbiamo già questa fede.

 

L’usare una parte di verità al fine di condizionare le menti è una tecnica che conosciamo già (vedi correlazioni in fondo), diabolicamente micidiale e difficilissima da smascherare. Solo la conoscenza attenta della Parola di Dio e la protezione del Signore ci possono permettere di discernere e sventare questi disegni.

 

Ricordiamo che Satana conosce bene le Scritture[1]

 

e che con l’uomo il suo primo inganno coronato da grande successo, fu proprio quello di mischiare bugia e verità[2].

 

 

Leggendo la Bibbia vediamo che Gesù e gli apostoli bloccano subito con decisione questo tentativo degli spiriti maligni di dare testimonianze veritiere:

 

Marco 1:23-27 - In quel momento si trovava nella loro sinagoga un uomo posseduto da uno spirito immondo, il quale prese a gridare: «Che c'è fra noi e te, Gesù Nazareno? Sei venuto per mandarci in perdizione? Io so chi sei: il Santo di Dio!» Gesù lo sgridò, dicendo: «Sta' zitto ed esci da costui!»

 

Marco 1:32-34 “Poi, fattosi sera, quando il sole fu tramontato, gli condussero tutti i malati e gli indemoniati; tutta la città era radunata alla porta. Egli ne guarì molti che soffrivano di diverse malattie, e scacciò molti demòni e non permetteva loro di parlare, perché lo conoscevano.

 

Atti 16:16-18 Mentre andavamo al luogo di preghiera, incontrammo una serva posseduta da uno spirito di divinazione. Facendo l'indovina, essa procurava molto guadagno ai suoi padroni. Costei, messasi a seguire Paolo e noi, gridava: «Questi uomini sono servi del Dio altissimo, e vi annunciano la via della salvezza». Così fece per molti giorni; ma Paolo, infastidito, si voltò e disse allo spirito: «Io ti ordino, nel nome di Gesù Cristo, che tu esca da costei». Ed egli uscì in quell'istante.”

 

Ma perché Gesù e gli apostoli non volevano essere riconosciuti dagli spiriti maligni? Vediamo di capirlo:

1)    Se il signor X rivela una cosa sorprendente ed importante alle persone, allora scatta un meccanismo interessante nelle persone: anche il signor X diventa parte di quella cosa sorprendente ed importante che sta rivelando. La gente che ascolta lui, tenderà ad unire lui alla notizia che espone. Se ad esempio il signor X parla di “verità”, allora nella mente di chi ascolta, i nomi “verità” e “signor X” vengono come associati. Questo per il signor X è come usare un cavallo di Troia per entrare nella familiarità e nella fiducia della gente, è un modo di avere credito e di aumentare di importanza.

2)    Se il signor X in mezzo alle piazze o nelle strade riconosce Gesù come Messia, oppure gli apostoli come servitori di Dio e lo dice ad alta voce, allora il signor X per la mentalità semplice dell’uomo di strada, è uno che con le cose di Dio “ci sta a braccetto”, allora il signor X diventa un esperto, ha avuto il merito di una grande testimonianza, acquista potere, è uno “forte”, una persona a cui ti puoi rivolgere quando hai dei dubbi su come fare…

3)    Gesù sapeva che il diavolo lo conosceva e anche gli apostoli sapevano di essere conosciuti e temuti dal diavolo per i meriti di Gesù,[3]

 

ma non importava loro questo riconoscimento. Gesù era dagli uomini che doveva essere conosciuto, e non permette minimamente a Satana ed ai suoi spiriti maligni di usare questa testimonianza per avere ascendente sugli uomini.

Anche oggi vi sono spiriti maligni che usano parole “buone” e dicono cose in parte veritiere. Non ci deve sorprendere cari amici, ma stiamone alla larga e se possibile denunciamo questo ambiguo tentativo di sorpassare l’evangelizzazione di Cristo usando addirittura parte delle Sue parole e dei Suoi insegnamenti.

Non esiste la “magia buona” o la “magia bianca”, gli spiriti che non sono di Dio possono usare mille linguaggi e mille modi, ma alla fine il loro scopo è sempre quello di portarci lontani da Gesù e poi di ucciderci, prima spiritualmente e poi fisicamente.

Attenzione dunque anche ai cosiddetti spiriti dei santi o di tante “madonne”: spesso dietro questi personaggi che sono esistiti veramente, c’è solo uno spirito ingannatore che cerca di sedurvi come mezze verità.

Tornate alla Bibbia e pregate solo Dio senza dar retta a nessuno, così di sicuro non sbagliate.

  

Correlazioni

CHE COS’È VERITÀ? (e riferimenti)

VIVIAMO UNA ORRIBILE ASSUEFAZIONE AL MALE (e riferimenti)

 

 

 

 

Indice POSTA-PIC   -   Home


 

[1]

Luca 4:9-11 -  Allora [Satana] lo portò a Gerusalemme e lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gettati giù di qui; perché sta scritto: "Egli darà ordini ai suoi angeli a tuo riguardo, di proteggerti"  e "Essi ti porteranno sulle mani, perché tu non urti col piede contro una pietra"».

[2]

(Gen. 3:5) E' vero che gli occhi di Adamo ed Eva si sarebbero aperti (verità), ma non certo per divenire come Dio, né per scansare  la morte (bugie); il serpente usò questa ambiguità tra verità e bugia al fine di distruggere l’uomo, amato da Dio.

[3]

Atti 19:15 - Ma lo spirito maligno rispose loro: «Conosco Gesù, e so chi è Paolo; ma voi chi siete?»

 

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE