Bollettino libero cristiano evangelico  della "Piccola Iniziativa Cristiana" a cui tutti possono partecipare utile per la riflessione e lo studio biblico

 

E’ NATA LA SUPER-RELIGIONE CHE ACCONTENTA TUTTI: LA FEDE “A-MODO-MIO”

Rubrica satirica  "Due chiacchiere del giornalaio"  di Renzo Ronca

Si ricorda che le storie raccontate sono di pura fantasia - (marzo 02) - 30-3-13

 


 “Se sono credente? Si… a modo mio. Certe cose della mia chiesa le seguo, altre no.” E' questauna frase che sento dire sempre più spesso, anche da cristiani molto stimati.

Ma che vuol dire “cattolico (oppure evangelico, ortodosso) a modo mio?” 

Che sia un detto biblico che non conosco? Sono andato a cercare sulla “Chiave biblica”, sulla “Bibbia on-line”, e sui dizionari enciclopedici biblici, ma non sono riuscito a trovare nulla con questo nome.

Che sia una nuova chiesa? Ho visto negli elenchi ma confesso la mia incapacità: non l’ho trovata.

Eppure devo aver cercato male perché questa nuova religione si compone di tantissimi adepti.

Dev’essere una cosa grossa perché questi aderenti, pure se tra loro si conoscono poco, provengono da tutte le chiese…

Che sia una cosa misteriosa, esoterica? Ho provato a vedere nelle regole di iniziazione alla massoneria ma mi sono sembrati più rigide di quelle dei Testimoni di Geova (senza offesa per carità).

E allora? Che sia un mistero di fede?

Certo deve essere forte! Questa nuova religione che parla così tanto del Signore e sa tante cose nuove su di Lui! Si, i cristiani di questa nuova denominazione in effetti sono invidiabili sapienti; davvero! Devono essere persone eccezionali. Sanno così tante cose che nemmeno le trovi scritte sulla Bibbia! 

 

Mi viene quasi voglia di seguire questa nuova religione “a-modo-mio” dove non esiste il peccato. Che avessimo trovato la super-religione che riesce ad unire tutti i popoli del mondo?

 

Sto quasi per farlo, quand’ecco un minimo di scrupolosità mi fa chiedere: “Ma il Signore sarà contento di questo?”

 

Allora come tutte le volte in cui non riesco a fare qualcosa (praticamente sempre), mi accosto alla  preghiera e apro quel meraviglioso libro, la Bibbia, che in questa nuova religione viene considerato ormai obsoleto. Sentite cosa trovo:

 

“Ora, perché mi chiamate, Signore, Signore, e non fate quello che dico?”  (Luca 6:46)   

 

Che non sia il caso, cari “cristiani-fai-da-te”, di riflettere un poco di più sulle parole del Signore, per conoscere meglio le sue indicazioni ed assumersi le responsabilità delle proprie scelte?

 

E se queste scelte, come l’obbedienza ad una dottrina che avevate accettato anni fa,  ora non vi sembrano più molto calzanti, bene allora, armatevi di coraggio! Non lasciate tutto come prima! Non “ricucite le toppe” sul vecchio vestito, ma indossate un abito nuovo e pulito. “Puro”, per l’esattezza; come sarà il vostro cuore rinnovato. Dio gradisce il cuore puro, non la doppiezza. Se vi siete inventati le cose abbiate l’umiltà di correggervi; se invece siete maturati siate felici, ringraziate Dio di questo; ma abbiate il coraggio di manifestare la vostra coerenza anche nei fatti.

 

Si cari amici perché o siete “dentro” certe dottrine (e allora le dovete rispettare) o siete fuori (ed allora non vi rivestite degli abiti vecchi di prima).

 

Non vi illudete, non esiste nessuna chiesa e nessuna fede “a modo mio”, bensì solo la confusione, la seduzione ipocrita dell’antico serpente; ottimo ragionatore, ma davvero poco umile e molto vigliacco.

 

Un caro saluto dl vostro giornalaio

 

Indice giornalaio  - Home

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica - vedi AVVERTENZE