L’EPOCA DELL’INCONSISTENZA E DEL PERICOLO PER MANCANZA DI ORIENTAMENTO – USCIRE DALLE “TONNARE

 

di Renzo Ronca - (17-3-13) - 30-9-17

 

 

 

 

[disegno di una "tonnara" (1)]

 

 

 

 

 

Sempre tenendo presente la situazione storica attuale, sullo sfondo biblico della profezia (vedi ns scritto in www.ilritorno.it/fare%20e%20pensare/Pensare/44_alleanze-statua.htm ) sappiamo che viviamo l’epoca dell’inconsistenza. In questo periodo storico si formano alleanze e forme di progetti che sembrano reggere, ma crollano miseramente proprio come la lega ferro-argilla della statua di Daniele.

 

L’esigenza di rinnovamento è reale e la sentiamo tutti.  Tutti ci rendiamo conto di vivere in una specie di schifo sociale economico ed ecologico insopportabile e vogliamo rinnovare tutto. 

 

Ma cos’è veramente questa esigenza? Da dove arriva? Come mai avviene in modo globale? Può essere manipolata? Abbiamo un’idea realistica della nostra posizione e della direzione da prendere? Interrogativi difficili, a cui forse se ne aggiungeranno altri; ci vorrà tempo per capirli. Intanto cominciamo a cercare di vedere cosa sta succedendo.

 

Prendiamo un esempio: i tonni e le “tonnare” (1). Noi siamo i tonni, mentre le reti che ci stringono e ci imprigionano sono i poteri occulti che operano soprattutto attraverso la propaganda dei media.

Ci hanno tolto progressivamente il mare e adesso siamo stretti in vasche d’acqua dove non ci è più permesso di uscire. Nati per nuotare e vivere negli spazi oceanici ci troviamo improvvisamente senza spazio.  Qualcuno intuisce dove ci stanno portando e cosa ci stanno per fare ma non sa più dove si trova il mare; si diffonde la paura e la disperazione ed esplodono movimenti rivoluzionari di protesta. Il tentativo è quello di rompere le reti ed uscire verso la libertà. Teoricamente sarebbe ancora possibile perché i tonni sono tanti e la loro forza, se ben organizzata, ce la potrebbe anche fare. Il problema è che i tonni, cioè noi uomini, invece di essere uniti per strappare la rete della mattanza, ci azzanniamo l’uno contro l’altro, tutti contro tutti. Qualcuno che non riusciamo a vedere sa perfettamente le nostre reazioni istintive e le gestisce in maniera spietata.

 

Allora non ci hanno tolto solo lo spazio fisico ma anche quello mentale.

 

Infatti ci comportiamo da stupidi. Non cerchiamo la libertà e la serenità ma cerchiamo solo il nemico tra di noi.

Con questa rabbia dentro sappiamo solo distruggere.

Basta un morso e l’acqua diventa rossa di sangue e si vede ancora meno dove sta la rete. Nel parossismo della lotta ci si morde sempre più  l’uno con l’altro e la visuale è sempre più ridotta.

Intanto chi ci ha condotto a questo conosce perfettamente i nostri istinti li gestisce e sta ad osservare.

 

Non è il potere delle nazioni o il potere delle chiese che ci potrà salvare. Le loro parole sono come le gabbie di una rete che si stringe attorno a noi in mano a Satana.

 

Abbiamo solo una possibilità: non forzare più la rete, ma andare controcorrente e tornare indietro.

 

Tornare indietro significa ricordarsi che sopra questo gioco al massacro c’è un Dio che ci aveva avvisati e che può ancora tirarci fuori se Lo invochiamo Lo ascoltiamo e Lo seguiamo.

 

Seguire Dio non è seguire gli uomini o le chiese, ma come dice letteralmente la parola “seguire Dio”. Solo Lui. Direttamente e semplicemente.

 

I tempi che vivremo adesso sono fatti di parole perfette dette dai politici dai falsi profeti. Non dalle loro parole li potremo riconoscere ma dai loro frutti. E i frutti? Come sappiamo se un frutto è buono? Ad esempio tornando indietro per vedere cosa significa “maturazione”. Non è l’apparenza di una mela proibita che ci darà gusto, ma la pace di una accettazione di fede viva, fatta di obbedienza e di speranza.

 

Non è l’obbedienza ad una organizzazione politica o religiosa che ci salverà, né il fascino di una teoria o filosofia, ma il gustare che il frutto della fede sia davvero buono. Buono perché ha la pace dentro, buono perché dà la possibilità ai tuoi pensieri di crescere in armonia con la presenza gioiosa di Dio.

 

Dio non è una regola o una chiesa, ma è una trasformazione continua che sale e cambia da uno stato all’altro il suo modo di essere.

L’eternità non è un tempo che dura sempre ma una dimensione dove la vita è composta da un insieme e le leggi fisiche della terra non avranno più ragione di esistere.

 

Per uscire dalle gabbie delle tonnare, per ritrovare questo oceano mentale, questo spazio in cui la nostra mente possa liberarsi, occorre abbandonare l’inganno del mondo e mettersi da una parte a rileggere la  Bibbia da soli, tranquilli, dicendo a Dio:

“Dio di Abramo e del Vangelo, ho sentito parlare di te, ma forse ho seguito ciò che non era da te.  Forse non ti conosco affatto, però lo vorrei. Tu dici di conoscermi, allora aiutami ad uscire da questa prigionia che mi soffoca l’anima. Liberami, rivelati, fa che possa ritrovare quel mare grande per cui tu mi hai formato perché sono alle strette. Fammi intendere la tue parole, guidami nella lettura della Bibbia, assistimi nelle scelte perché io ad solo, in questo cielo scuro,  non so più trovare l’orizzonte.”

 

 

 

NOTE 

(1) tonnara  – Impianto di pesca per la cattura dei tonni, in uso lungo le coste del Mediterraneo: è formato dalla cosiddetta isola, serie di recinti rettangolari (camere) in robusta rete mantenuti verticali da galleggianti e pesi e intercomunicanti a senso unico, collegata obliquamente alla costa da una rete (pedale) lunga anche qualche chilometro; i tonni, deviati nella loro corsa, penetrano, seguendo il pedale, nell’isola, radunandosi nella camera terminale, detta camera della morte, provvista di fondo che, sollevato al momento opportuno, permette ai pescatori (tonnarotti), montati su barche adatte, l’uccisione (mattanza) del pesce.(Treccani)

 

 

 

 

pag precedente    - pag seguente  -    Indice "pensare... usa la testa!"   -   home

 

 

 

 

 

Questo sito ed ogni altra sua manifestazione non rappresentano una testata giornalistica sono scritti NON PROFIT, senza fini di lucro, per il solo studio biblico personale di chiunque lo desideri - vedi AVVERTENZE