"E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi” (Giov. 14:3)

 

 

------------------

ULTIMI TEMPI BIBLICI E PERIODO DI TRIBOLAZIONE, DOVE SIAMO? – di Renzo Ronca 30-10-20

 

 

 

Il termine “ultimi tempi” è generico e molto ampio. Se lo riferiamo alla storia dell’uomo sulla terra (dopo essere stato allontanato dall’Eden), potremmo dire che già adesso stiamo vivendo gli ultimi tempi in attesa del rapimento dei credenti, prima del ritorno di Gesù Cristo. Non abbiamo alcuna indicazione precisa di quando possa avvenire il rapimento, potrebbe essere in un qualsiasi momento, per questo noi credenti dobbiamo farci trovare pronti (parabola delle 10 vergini in Matt 25).

 

Il “periodo di tribolazione” invece si riferisce con più esattezza alla situazione degli uomini sulla terra dopo il rapimento, mentre avvengono i giudizi che gli uomini perversi si sono tirati addosso. Dalla linea di fede da noi seguita (purtroppo le chiese sono divise) il maturare degli eventi potrebbe avere questo tipo di evoluzione:

 

1) Pensiamo essenzialmente al tempo che precede di poco il rapimento e il “periodo di tribolazione”.

2) Il periodo di tribolazione di cui parla l’Apocalisse (con la manifestazione dell’Anticristo e l’alleanza con il Falso Profeta) è breve, circa sette anni, diviso in una prima parte ed una seconda parte.

3) Nella prima parte (3 anni e mezzo) ci sarà un consolidamento mondiale del potere politico economico e militare dell’Anticristo, appoggiato dal Falso profeta che organizzando una super-religione globale riuscirà a manipolare le coscienze e portarle verso l’Anticristo.

4) Nella seconda parte (altri 3 anni e mezzo) avranno luogo soprattutto le ultime sette piaghe, quelle più dure.

5) A metà della settima piaga (guerra di Armaghedon) Gesù Cristo tornerà come Re sulla terra, assieme all’esercito del cielo e ai credenti precedentemente rapiti, ed instaurerà il Suo regno per un lunghissimo periodo di pace (il millennio).

6) Gli eventi successivi porteranno poi molto rapidamente al giudizio finale e ai cieli nuovi e “terra nuova”.

 

Il nostro tempo dunque è probabilmente quello che precede di poco il rapimento e il “periodo di tribolazione”.

I credenti saranno raffinati nella fede attraverso una serie di prove, ma sempre sotto il controllo dello Spirito di Dio, Il quale non permetterà che tali prove siano superiori alle loro forze. Anche se tecnicamente il tempo attuale non è ancora il “periodo di tribolazione” di cui parlano le Scritture, sarà comunque un periodo molto difficile, soprattutto per i credenti che, non ancora rapiti, assisteranno ad una sintesi di quanto poi avverrà dopo, nella tribolazione propriamente detta, con grande sofferenza.

In qs periodo ci sarà grande incertezza incapacità e confusione, degrado violenza e assurdità illogiche; tutti desidereranno un “governo forte” ma pochi penseranno quello di Dio.

Appena avvenuto il rapimento, lo Spirito Santo (così come lo percepiamo oggi) si allontanerà e non frenerà più il potere di Satana, che di conseguenza trasferirà tutto il suo potere sull’Anticristo e il Falso profeta.

L’Anticristo sarà acclamato come una specie di salvatore del mondo e nel primo periodo parlerà di pace e convincerà quasi tutti, pure se li priverà della libertà (instaurando un perfetto sistema di controllo delle azioni e dei pensieri dei popoli, identificando ed isolando quelli che gli si oppongono).

 

A noi credenti è richiesto solo di mantenere la fede che già abbiamo, evitando dispute e concentrandoci sull’essenziale biblico e sul prossimo rapimento. Dobbiamo vigilare moltissimo contro l’apostasia ed ogni forma di idolatria.

 

 

 Indice "Ultimi Tempi    -   Home