CHI SIAMO?

- LE DOMANDE ESISTENZIALI IN MODO SEMPLICE E CRISTIANO - Parte 3 -  di Renzo Ronca – 15-12-19

 

(segue)

Per tentare di capire chi siamo, dobbiamo subito distinguere la prospettiva dell’eventuale osservatore, cioè  dove ci mettiamo nello spazio e nel tempo per osservare e per pensare.

 

Secondo lo sguardo di Dio e il Suo disegno, probabilmente  adesso (tempo terreno) siamo una creatura molto amata, ma ingannata, mortalmente malata, sbandata, fuori dal suo percorso, tuttavia in movimento; sia questo movimento in evoluzione o in involuzione; una creatura  non ancora “finita”, ma che Lui cerca di ricondurre comunque alla “finitura”, suggerendogli il modo per non morire.

Tale finitura completezza avverrà quando tutto l’universo troverà la sua stabilità alla fine dei tempi (terreni) ed inizio-eternità; periodo di un futuro lontano che le Scritture bibliche chiamano “cieli nuovi e terra nuova”. Tutto questo accadrà secondo la Bibbia dopo grandi sconvolgimenti che interesseranno non solo la terra e non solo gli uomini (possiamo già intravedere i disordini climatici[1] e comportamentali[2] che si stanno affacciando a livello globale).

 

Secondo il nostro sguardo di creature terrene, in una certa prospettiva cristiana,  La domanda “chi siamo” dovrebbe più correttamente essere divisa in tre vedute: a) “chi avremmo dovuto essere”; poi: b) “chi siamo ora”; e quindi: c) “chi saremo domani”.

 

a) CHI AVREMMO DOVUTO ESSERE?

Per il non credente evoluzionista materialista,  qs domanda non ha senso.

Per molti cristiani è “normale” essere come siamo e dichiarare allo stesso tempo che questa vita è bella. Entrati in una specie di fatalismo esistenziale questi pensano che Dio ci abbia creati così come siamo adesso, morte compresa; pensano con semplicità che alla fine (quale fine? quando moriamo? Oppure nel giudizio finale?) porterà tutti in paradiso. Il diavolo e l’inferno per loro cominciano già ad essere come simboli, interpretando (o modificando) in modo pericoloso la Bibbia. Tutte queste persone, trascinate dalla tradizione e dalla troppa mondanità occidentale, che unisce abitudine, “buonismo”, mito, filosofia, politica, socialità ed interesse, hanno trascurato le Scritture bibliche e spinto addirittura le loro chiese ad apostatare. Essi anche se si dichiarano credenti, rischiano di rimanere fuori dalla grazia salvifica di nostro Signore: “Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demòni, 2 sviati dall'ipocrisia di uomini bugiardi, segnati da un marchio nella propria coscienza” ( 1Timoteo 4:1-2)

«Ipocriti, ben profetizzò di voi Isaia, quando disse: 8 "Questo popolo si accosta a me con la bocca e mi onora con le labbra; ma il loro cuore è lontano da me. 9 E invano mi rendono un culto, insegnando dottrine che sono comandamenti di uomini"». (Matteo 15:7-9).

Altri cristiani invece pensano (e già il fatto di pensare è sorprendentemente rivoluzionario oggi) che la vita attuale non sia affatto bella, ma si svolga con fatica ed affanno in un suolo “maledetto”, come l’Eterno disse ad Adamo: «Poiché hai dato ascolto alla voce di tua moglie e hai mangiato del frutto dall'albero circa il quale io ti avevo ordinato di non mangiarne, il suolo sarà maledetto per causa tua; ne mangerai il frutto con affanno, tutti i giorni della tua vita. 18 Esso ti produrrà spine e rovi, e tu mangerai l'erba dei campi; 19 mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché tu ritorni nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai» (Genesi 3:17-19).

Allontanandosi da Dio infatti, l’uomo accettò una terribile misteriosa manipolazione estranea, forse genetica, della nostra persona. Una manipolazione che ha inserito in noi il virus della morte, che solo Dio può sanare alla fine del nostro tempo terreno, se decidiamo di voler tornare a Lui. In qs vita terrena possiamo si, trovare un certo ristoro nella pace che ci dona il Signore quando siamo in preghiera, tuttavia sappiamo anche che negli ultimi periodi la vigilanza[3] e il discernimento[4] dovranno proteggere la nostra poca fede, perché solo un rimanente sarà salvato.[5]

Solo provando a ritornare pienamente e totalmente nel disegno dell’Eterno, forse, possiamo sperare di ritrovare il senso di ciò che avremmo dovuto essere. Ora infatti ci è nascosto; infatti ci sono frasi bibliche come questa di Giovanni (lo stesso apostolo che scrisse l’Apocalisse e dunque uno che “ci capiva” in quanto a futuro), che fanno riflettere: “Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è stato ancora manifestato ciò che saremo. Sappiamo che quand'egli sarà manifestato saremo simili a lui, perché lo vedremo com'egli è.” (1Giovanni 3:2)

 (continua)

 

 


 


[1]

DISORDINI CLIMATICI – Vi sono grandi prese di posizione mondiali, gestite da organizzazioni non del tutto chiare, che sfruttano discutibili personaggi-influencer in grado di  fare grande presa emotiva sulle masse e di trascinarle. Tale pressing emotivo genera movimenti di brave persone, le quali accusano i governi di rovinare l’equilibrio ecologico della terra. Non è che questo non sia vero, ma c'è la possibilità che questi movimenti rimangano miopi e non centrino totalmente l’obiettivo; anzi possano addirittura offuscarlo, seminando una apparente limitata giustizia sociale in una generazione scontenta e nebbiosa.  A poco serviranno gli scioperi e l'ardore dei benpensanti, perché le cause di questi disordini climatici non sono SOLO  dovute all’inquinamento delle fabbriche e alla gente che usa la plastica,  ma ad un esame più approfondito, pensiamo che rientrino ANCHE in una trasformazione storica epocale della Terra e del creato  in modo molto più ampio e complesso: “Sappiamo infatti che fino a ora tutta la creazione geme ed è in travaglio;” (Rom. 8:22).

 

[2]

DISORDINI COMPORTAMENTALI – Anche qui, se riuscissimo ad essere obiettivi nell’analisi storica e politica dal passato ad oggi,  ci accorgeremmo che il tormentato periodo politico di adesso in tutto il mondo ha una base comune: l’impossibilità dell’uomo di sapersi dare un governo “giusto” e la conseguente incertezza che deriva dalla mancanza di alternative valide. Tutto questo era stato previsto nella Bibbia ed ha un senso preciso, ovvero prelude ad un governo reale sulla Terra presieduto dallo stesso Gesù (chiamato “millennio”) in cui dopo tutti i nostri fallimenti, prima del giudizio, il Signore ci mostrerà “come avrebbe dovuto essere” il vero governo.

 

[3] VIGILARE: Luca 12:37

Beati quei servi che il padrone, arrivando, troverà vigilanti! In verità io vi dico che egli si rimboccherà le vesti, li farà mettere a tavola e passerà a servirli.

2Timoteo 4:5

Ma tu sii vigilante in ogni cosa, sopporta le sofferenze, svolgi il compito di evangelista, adempi fedelmente il tuo servizio. 

Ebrei 12:15

vigilando bene che nessuno resti privo della grazia di Dio; che nessuna radice velenosa venga fuori a darvi molestia e molti di voi ne siano contagiati; 

Apocalisse 3:2

Sii vigilante e rafforza il resto che sta per morire; poiché non ho trovato le tue opere perfette davanti al mio Dio. 

Apocalisse 3:3

Ricòrdati dunque come hai ricevuto e ascoltato la parola, continua a serbarla e ravvediti. Perché, se non sarai vigilante, io verrò come un ladro, e tu non saprai a che ora verrò a sorprenderti.

 

[4]

 DISCERNERE - 1Corinzi 11:29

poiché chi mangia e beve, mangia e beve un giudizio contro se stesso, se non discerne il corpo del Signore.

1Corinzi 12:10

a un altro, potenza di operare miracoli; a un altro, profezia; a un altro, il discernimento degli spiriti; a un altro, diversità di lingue e a un altro, l'interpretazione delle lingue;

Filippesi 1:9

E prego che il vostro amore abbondi sempre più in conoscenza e in ogni discernimento, 

Ebrei 5:14

ma il cibo solido è per gli adulti; per quelli, cioè, che per via dell'uso hanno le facoltà esercitate a discernere il bene e il male.

 

[5]

Sul “RIMANENTE” si possono anche leggere due nostre pagine:

1)  il rimanente fedele a Dio ;  

2) il rimanente  cristiano e il rimanente ebraico prima del rapimento

 

 

 

 pag precedente  -   pag successiva -      Indice "Ultimi Tempi   -  Home