EVANGELIZZAZIONE NEI TEMPI ATTUALI – conforto per chi non ha più forza - di Renzo Ronca - 6-7-19

 

 

La differenza tra l’evangelizzazione classica antica e quella attuale sta nel fatto che ora siamo molto più vicini ai tempi messianici promessi dal Signore (rapimento dei credenti, ritorno di Gesù Cristo, ecc.) per cui la testimonianza della “Buona novella” che portiamo, visti i tempi difficili in cui viviamo, deve essere necessariamente più essenziale, senza lunghi discorsi o frasi fatte che le persone faticherebbero a seguire.

 

Quello che sta avvenendo (che si accolga o meno non cambia le cose) era stato già previsto:  2 Tim. 3: 1 Or sappi questo: negli ultimi giorni verranno tempi difficili; 2 perché gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, irreligiosi, 3 insensibili, sleali, calunniatori, intemperanti, spietati, senza amore per il bene, 4 traditori, sconsiderati, orgogliosi, amanti del piacere anziché di Dio, 5 aventi l'apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza.

 

Accanto a questa corruzione morale vi è anche una corruzione della Terra, che presenta dei sintomi allarmanti sotto gli occhi di tutti (vulcani, terremoti, trombe d’aria, tsunami, desertificazione di continenti interi, clima impazzito, ecc.)

 

Molti reagiscono prendendosela con Dio: “come può permettere queste cose?” dicono. In realtà il Signore le aveva già predette tramite la Bibbia e non è certo Lui a volerlo. Si potrebbe forse sintetizzare così: più il mondo, con gli uomini e tutto ciò che contiene, si allontana da Dio e più si sfalda in balìa di forze autodistruttrici.

 

Il male sta crescendo come in una pentola a pressione e vorrebbe esplodere. Ciò che lo trattiene è solo la forza dello Spirito di Dio per amore di quei rimanenti che manifestano ancora fedeltà a Dio.

 

Ma questo è un periodo breve, intermedio, che finirà presto, perché la perfidia e la cattiveria dell’uomo hanno raggiunto livelli così elevati che se il Signore non intervenisse in tempi rapidi, anche i pochi rimanenti cadrebbero e sarebbero perduti.

 

Dunque vi è una ultima fase di evangelizzazione in atto, un ultimo richiamo del genere “salviamo il salvabile”.

 

A qualcuno farà ridere questo messaggio e lo ridicolizzeranno continuando a seguire i loro istinti ma, spiacente per loro, anche questo comportamento empio era previsto: Giuda 18 «Negli ultimi tempi vi saranno schernitori che vivranno secondo le loro empie passioni».

 

Noi invece ci rivolgiamo alle anime stanche che tuttavia sono rimaste fedeli a Dio: Coraggio! Il Signore vi rafforza! Ancora un poco e quello che ci ha promesso avverrà e noi saremo con Lui!

 

  Indice "Ultimi Tempi   -  Home